Varese

Varese, Andrea Bortoluzzi si schiera con Galimberti. E il simbolo lo firma Vicentini

I candidati di Galimberti

I candidati di Galimberti

La campagna elettorale accelera con i nomi delle liste. Questo pomeriggio, presso il Ristorante Bologna a Varese, il candidato sindaco del centrosinistra, Davide Galimberti, ha presentato altri otto candidati della sua lista. Un incontro con i media che è stato introdotto dal candidato che ha mostrato il simbolo della lista, disegnato e donato da un grande artista varesino, conosciuto ben al di là dei confini cittadini: Giorgio Vicentini. “Tanti hanno partecipato al concorso di idee per disegnare il simbolo, anche ragazzini di 7-8 anni – racconta Galimberti -. Ma alla fine abbiamo scelto quello, bellissimo, di Vicentini”.

Dunque otto nuovi candidati, con nomi di importanti famiglie varesine, a partire dal primo ad essere presentato, personaggio molto conosciuto, il notaio Andrea Bortoluzzi, giurista e giornalista. “Avevo lanciato, a luglio, l’ipotesi di candidarmi come sindaco, un’idea che ho messo da parte quando ho saputo della candidatura Galimberti”, spiega Bortoluzzi. Duro con la Lega: “Un progetto di cambiamento che è fallito miseramente. Dobbiamo mettere in marcia un cambiamento, altrimenti sarà sempre il vecchio establishment democristiano a comandare”.

Altri candidati della lista Galimberti sono Edoardo Vigna, funzionario della Banca Popolare di Bergamo e membro del Lions Club Varese Host, Andrea Cili, storico cameriere del Ristorante Bologna di Varese (“si sorride poco in questa città”), Tommaso Piatti, ex scout Agesci, oggi lavora in un’importante realtà aeronautica (“credo di essere un ingranaggio di una macchina che tornerà a girare”),  Antonio Angelucci, ricercatore universitario all’Insubria, esperto di Islam, e avvocato (“Varese deve diventare una città più solidale, ma anche più sicura”).

Candidate anche Marisa Coletta, past president Fidapa, Anna Zanetti, che lavora presso una casa di cura per anziani (“amo la mia città e la voglio più a misura d’uomo”), e la più giovane candidata, visibilmente emozionata, Maria Paola Cocchiere, laureanda alla Statale di Milano (“dalla cattiva politica si esce con competenza e buona politica”).

“Continuiamo il giro dei quartieri – conclude Galimberti – e confermiamo il degrado e la sporcizia di alcune zone. Problemi da risolvere più che con molte più risorse, con un impegno maggiore da parte dell’amministrazione comunale. Occorreva una maggior vigilanza sugli adempimenti da parte di chi doveva garantire più pulizia”. Ma Galimberti non sfugge ad una battuta sulle primarie del centrodestra a Busto Arsizio e sulla sconfitta del Carroccio: “E’ la prova che la Lega non è più credibile, è venuto il momento che lasci il posto ad una nuova amministrazione”.

4 aprile 2016
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Varese, Andrea Bortoluzzi si schiera con Galimberti. E il simbolo lo firma Vicentini

  1. Andrea Bortoluzzi si schiera con Galimberti. E il simbolo lo firma Vicentini | Andrea Bortoluzzi il 18 aprile 2016, ore 00:04

    […] (Pubblicato su Varese Report del 4 aprile. Continua a leggere: http://www.varesereport.it/2016/04/04/varese-andrea-bortoluzzi-si-schiera-con-galimberti-e-il-simbol…) […]

Rispondi

 
 
kaiser jobs