Varese

Varese, Il civico Stefano Malerba all’attacco di “Mister Tigros”

Una nuova vignetta di Riverso

Una nuova vignetta di Riverso

“Il supermercato sta per chiudere, Mister Tigros deve accelerare il passo, sennò rischia di restare chiuso dentro”. E’ ironico Stefano Malerba, candidato della Lega Civica a sindaco di Varese, quando fa notare la fretta del suo concorrente, il candidato dei partiti Paolo Orrigoni, nel completare quanto prima la sua “lista del carrello”.

Nella sua ultima vignetta (che trovate in allegato), Malerba riassume ciò che distingue il suo modus operandi rispetto a quello di Mister Tigros. Quest’ultimo ne sta facendo una questione elitaria, di salotto, di privilegio. Con tutte le difficoltà del caso.

Perché, come spiega Malerba,  “Se è vero che alcuni esponenti dei partiti che lo sostengono farebbero carte false per balzare nel carrello e abbandonare la nave (di partito) che affonda, è altrettanto vero che i candidati più “corteggiati” da Orrigoni, esponenti del mondo imprenditoriale e professionale della città, appaiono molto meno ansiosi di aderire alla causa. C’è da capirli. Che motivo hanno di investire nome, prestigio e reputazione in una cosa che potrebbe concludersi in un flop?”.

Ben diverso lo spirito che anima il candidato della Lega Civica,  pronto a costruire una lista di cittadini, non di notabili. “La nostra - conclude Malerba - sarà una lista di persone che condividono un progetto e che sono disposte a lottare per esso. Varese ha bisogno di essere ricostruita e rilanciata. Vuole un borgomastro, non un sovrano”.

11 marzo 2016
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs