Varese

Varese, De Simone brucia le tappe e presenta la prima lista

Dino De Simone

Dino De Simone

Il colore è lo stesso e l’inserto verde attraversa ancora l’arancione. Ma prima era un “Laboratorio”, oggi è un “Progetto”: il gruppo cresciuto attorno alla candidatura alle primarie di Dino De Simone, capace di raccogliere energie e consensi inaspettati, si evolve e cambia forma.

Nasce il “Progetto Concittadino”, per cambiare Varese insieme a Davide Galimberti e alle altre forze che lo sosterranno nella corsa verso le elezioni amministrative del prossimo giugno.

Un soggetto che vuole collegarsi alle migliori esperienze amministrative del centrosinistra in Italia, orientate all’innovazione, all’ambientalismo e ai diritti sociali. Da qui l’attenzione verso le forze mobilitate alle ultime primarie a Milano, i torinesi che stanno sostenendo la candidatura di Piero Fassino accanto al suo assessore al bilancio Gianguido Passoni o, più localmente, per la lista di Malnate Sostenibile o “Il Gelso” di Comerio di Silvio Aimetti.

Per questo la colonna vertebrale del Progetto non potrà che essere composta da giovani, donne, attivisti sociali, professionisti, come: Andrea Minidio: insegnante, musicista e uomo di teatro, volto noto del Rugby Varese; Barbara Cirivello: avvocatessa, referente della sezione varesina del Movimento Consumatori; Francesca Coffano: vent’anni, studentessa di architettura, tra i giovani che fin dall’inizio hanno sostenuto il Laboratorio Concittadino; Natalino Bianchi: tecnico Rai, ma soprattutto papà di tre ragazzi: tra i più attivi componenti delle associazioni genitori delle scuole varesine; Rossana Chiodi: ex presidentessa di Fiab-Ciclocittà Varese, storica figura del movimento ambientalista varesino; Mauro Rivolta: architetto con la passione per l’architettura bio-ecologica, la bioclimatica e le costruzioni in legno, fondatore dello StudioEcoArch.

Un elenco destinato ad arricchirsi per dare rappresentanza alle numerose energie e qualità che la città di Varese è in grado di esprimere. Perché per uscire da oltre vent’anni di amministrazione leghista c’è bisogno di entusiasmo, apertura e generosità. Il Progetto Concittadino sarà accanto a Davide Galimberti per portare a Palazzo Estense, con ruolo di protagonista, il mondo che lotta da sempre per una città più a misura d’uomo, che fermi il consumo di suolo a favore del recupero delle aree dismesse per dare spazio all’innovazione e reali opportunità di partecipazione ai giovani.

9 marzo 2016
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs