Varese

Varese, Aggredito controllore su bus, Fratelli d’Italia: laser e spray al peperoncino

busReazioni politiche sull’aggressione di un controllore dei bus cittadini ieri in viale Milano. “Un fatto che non ci lascia indifferenti – dichiara Alessio Nicoletti, capogruppo di Movimento Libero -. Manifestiamo la nostra massima solidarietà al controllore coinvolto, ma da sola non è per nulla sufficiente. Crediamo servano provvedimenti urgenti in materia. Per quanto ci riguarda, suggeriamo a questo punto di prevedere controlli a campione sulle linee del trasporto pubblico locale da parte della Polizia Locale e, se possibile, anche delle altre forze dell’ordine. Per arginare il fenomeno alla fonte, invece, proponiamo di prevedere il pagamento del biglietto direttamente dalla parte del conducente. Proposte che andrebbero valutate insieme a tutti i soggetti interessati. Per questo, auspichiamo che a breve venga convocata una commissione comunale sul tema”.

Fabio Fedi e Giacomo Cosemtino per Fratelli d’Italia e Varese Cresce parlano di “una situazione intollerabile sotto tutti i punti di vista che deve essere obbligatoriamente affrontata e risolta. A tal fine Fratelli d’Italia AN- Varese Cresce proporrà una serie di punti da inserire nel programma della coalizione che sostiene Paolo Orrigoni che affrontino in maniera chirurgica il problema. Innanzitutto l’istituzione del Vigile di quartiere che preveda il pattugliamento di 2 agenti a piedi: ciò consente di mantenere un rapporto diretto coi cittadini e coi commercianti risolvendo le criticità e le urgenze in tempi stretti o, addirittura, prevenendoli, oltre ad aumentare la percezione di sicurezza. Inoltre gli agenti saranno presenti sui mezzi del trasporto pubblico locale aumentando la sicurezza sugli stessi”.

Continuano Fedi e Cosentino: “Reclamiamo con forza poi che nel prossimo bando di affidamento del servizio del trasporto pubblico locale sia obbligatorio per i gestori l’installazione di almeno una telecamera su ogni mezzo. Il bando sarà aperto proprio quest’anno da parte del nuovo gestore del trasporto pubblico della zona Varese-Como-Lecco, pertanto bisogna assolutamente approfittarne. Tutto ciò servirà a proteggere passeggeri, autisti e controllori oltre a riconoscere chi non paga il biglietto. Si potrebbe anche gestire i passeggeri come avviene per i trasporti extraurbani, ovvero chiedendo l’esibizione all’autista del biglietto al momento della salita sul pullman”.

Continuano i due esponenti della destra: “Nel contempo invitiamo l’amministrazione attuale a convocare al più presto una Commissione sulla Sicurezza, portando al tavolo i gestori del servizio e sinergicamente ricercare delle soluzioni per limitare questi rischi, chiedendo nel contempo la collaborazione della Polizia Stradale. Infine riteniamo non più procrastinabile da parte del Comune l’ istituzione di corsi gratuiti di difesa personale per gli addetti in servizio e se la legge lo consente, munirli di Laser o spray al peperoncino”.

27 febbraio 2016
© RIPRODUZIONE RISERVATA

4 commenti a “Varese, Aggredito controllore su bus, Fratelli d’Italia: laser e spray al peperoncino

  1. Cristina il 28 febbraio 2016, ore 11:05

    Ragazzi ma sarebbe anche ora di comprarlo, capisco i dipendenti del trasporto pubblico che vorrebbero riceverlo “gratis”, ma con 9 euro lo si compra su https://spraypeperoncino.net . Io ho preso il TW1000 Lady, è legale per tutti i maggiori di 16 anni dicono sul sito.

  2. Varese. Le proposte di FDI per emergenza sicurezza sui mezzi pubblici » Fratelli d'Italia Lombardia il 1 marzo 2016, ore 00:00

    […] da Varesereport […]

  3. Giovanni il 23 settembre 2016, ore 11:16

    Quello originale venduto negli U.S. contiene il 10% di principio attivo: capsaicina.
    Quello venduto in Italia ne contiene solo il 2,5% di capsaicina: inutile.

  4. Emiliano il 27 settembre 2016, ore 13:09

    Siamo in Italia… essere aggrediti e difendersi con le proprie mani è diventato reato.
    Non l’avete ancora capito?

Rispondi

 
 
kaiser jobs