Varese

Varese, Lavoratori della Provincia sul piede di guerra, l’allarme dei sindacati

Villa Recalcati, sede della Provincia

Villa Recalcati, sede della Provincia

Dura presa di posizione, affidata ad un comunicato stampa, sulla situazione dei lavoratori della Provincia di Varese a firma dei sindacati di categoria di Cgil-Cisl-Uil e della Rsu di Villa Recalcati. La pubblichiamo integralmente:

A poco più di 24 ore dal termine del 19 febbraio, indicato dal portale mobilita.gov per l’inserimento del personale soprannumerario sulla piattaforma nazionale, a Varese ancora non sappiamo chi dovrà cercarsi un altro lavoro e chi no. Una parte della responsabilità di questa situazione di stallo è in capo a Regione Lombardia, ma anche la provincia di Varese ha le sue responsabilità e sta agendo senza trasparenza nei confronti dei lavoratori e delle lavoratrici coinvolte.

Nonostante le reiterate richieste di incontro e di informativa che la RSU e le OO.SS hanno rivolto alla Provincia negli ultimi 2 mesi, cioè dopo la firma dell’accordo regionale di dicembre, ad oggi l’Ente non convoca le parti sindacali e non informa i lavoratori su cosa succederà loro a partire da domani. Il disagio dei lavoratori e delle lavoratrici cresce e non mancano problemi per il personale che è posto in prepensionamento d’ufficio, oltreché per il personale dell’agenzia formativa che ha notizie sul suo futuro solo da interviste rilasciate alla stampa.

Questo comportamento non è accettabile. Domani i lavoratori provinciali si riuniscono in assemblea per decidere il da farsi a seguito della situazione di stallo in cui si trova l’Ente. Al termine si terrà una conferenza stampa per spiegare la grave situazione di scarsa trasparenza e preoccupazione determinata dall’atteggiamento della Provincia di Varese.

18 febbraio 2016
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs