Varese

Varese, L’estrema destra sfila in centro per il Giorno del Ricordo

Un momento del corteo nel centro di Varese

Un momento del corteo nel centro di Varese

Manifestazione in centro città dell’estrema destra in occasione del Giorno del Ricordo. Una manifestazione promossa da Casa Pound, Dora-Comunità dei Dodici Raggi e Forza Nuova. Ad essa hanno aderito anche Fiamma Tricolore e Orizzonte Ideale, oltre ad alcuni esponenti del Carroccio a livello personale. Una manifestazione-fiaccolata che ha preso le mosse dalla stazione dello Stato per raggiungere, attraversata la città, la centralissima piazza Monte Grappa.

Ingenti le forze dell’ordine che hanno seguito il corteo, al quale hanno partecipato circa 200 persone. Una marcia silenziosa, aperta dalle bandiere degli esuli, e scandita dai colpi di tamburo. All’altezza di piazza XX Settembre due bus di linea sono stati costretti a fare retromarcia per lasciare passare il corteo. Poi i militanti delle forze di estrema destra hanno continuato a camminare verso il centro.

Giunti in piazza Monte Grappa, i partecipanti alla manifestazione hanno steso uno striscione che riportava lo slogan “Foibe: sangue versate nel silenzio dello Stato”. E’ stato osservato un minuto di silenzio dopo uno squillo di tromba e un breve discorso di un esponente di Dora che si è rivolto ai “camerati”, come lui stesso ha detto: “Un coro di voci libere che si oppone al silenzio che per troppi anni ha nascosto l’orrore delle foibe e la tragedia degli esuli. Varese è la nostra città, questa è la nostra terra. Il sangue istriano, dalmata e fiumano sarà per sempre sangue italiano. Adesso il minuto di silenzio lo facciamo noi, come si deve”.

Al termine del minuto di silenzio una corona è stata deposta da due ragazze ai piedi dell’albero che si trova al centro della piazza.

 

 

 

 

 

FOTO

10 febbraio 2016
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs