Varese

Varese, Fondazione Cariplo compie 25 anni. Oltre 135 milioni alla nostra provincia

Piazza Monte Grappa a Varese

Piazza Monte Grappa a Varese

Fondazione Cariplo compie 25 anni. Dal 1991 ad oggi ha sostenuto circa 30 mila iniziative donando 2,8 miliardi di euro. E’ la più grande organizzazione filantropica d’Italia. Per il 2016, oltre ai bandi, anche importanti novità: 4 programmi ad ampio impatto che interessano le periferie, il recupero delle aree interne, l’impresa sociale, fino alla Jobfactory della fondazione, un nuovo modello per contribuire all’ occupazione giovanile. Senza dimenticare il tema del welfare.

Budget di 152 milioni di euro. I nuovi bandi sono on line da venerdì 29 gennaio: in poche ore 9000 visite al sito.

Dal 1991 a Varese sostenuti 1.649 progetti per un importo complessivo di oltre 135 milioni di euro. Medaglia d’oro al territorio del varesotto per le risorse investite nel settore ambientale e del risparmio energetica

AL VIA L’ATTIVITA’ 2016

Puntuali da #25anni. Fondazione Cariplo riparte con l’attività filantropica. Un budget importante, 152 milioni di euro, per sostenere progetti sul territorio lombardo, oltre che di Novara e del Verbano-Cusio-Ossola, nei quattro tradizionali settori di intervento Arte e Cultura, Servizi alla persona, Ambiente e Ricerca scientifica. Un budget per l’attività filantropica reso disponibile ancora una volta dalla buona gestione del patrimonio, che oggi si attesta ad oltre 8 miliardi di euro (a valori di mercato), i cui rendimenti hanno sempre consentito di mantenere alte e stabili le risorse per l’attività istituzionale.

Novità 2016: 4 programmi ad ampio impatto che interessano le periferie, il recupero delle aree interne, l’impresa sociale, fino alla Jobfactory che nascerà a Milano in primavera. Senza dimenticare il tema del welfare. Dal 29 gennaio sul sito della fondazione sono stati pubblicati i bandi 2016 con un boom delle visite: circa 9000 in poche ore.

NEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI VARESE

Dal 1991 Fondazione Cariplo ha sostenuto nel territorio del varesotto ben 1.649 progetti per un importo complessivo di circa 135 milioni di euro.

PRIMO POSTO A VARESE PER LE RISORSE DEDICATE AI PROGETTI DI TUTELA AMBIENTALE

La provincia di Varese si pone al primo posto tra i territori sostenuti da Fondazione Cariplo per le risorse dedicate a progetti di tutela ambientale. Un dato su tutti: dal 1991 sostenuti 132 progetti di tutela ambientale per 12,8 milioni di euro.

UN COMPLEANNO IMPORTANTE

Il 2016 è un anno importante per Fondazione Cariplo: il 16 dicembre festeggia i 25 anni di attività filantropica. Dal 1991, infatti, la Fondazione è impegnata nel sostenere e nel promuovere progetti nel campo dell’arte e cultura, dell’ambiente, della ricerca scientifica e del sociale dedicandosi a chi è in difficoltà.

In questi 25 anni, la Fondazione, con la sua azione filantropica, ha consentito la realizzazione di oltre 30 mila progetti di organizzazioni non profit, con un impegno di oltre 2 miliardi e 800 milioni di euro. E’ la principale organizzazione filantropica in Italia, con oltre 1000 progetti realizzati ogni anno con 110 milioni di euro a stagione dal 91’ ad oggi: va detto che negli ultimi anni la media del valore dell’attività filantropica è di oltre 150 milioni di euro per anno.

Ecco il dettaglio degli interventi:

* Ambiente: 1.835 progetti per un totale di 145 milioni di euro

* Arte e Cultura: 11.212 progetti per un totale di 948,4 milioni di euro

* Ricerca scientifica: 1.764 progetti per un totale di 421 milioni di euro

* Sociale/Servizi alla Persona: 14.094 progetti per un totale di 955 milioni di euro

A questi si aggiungono 778 progetti per 368 milioni di euro che la Fondazione ha dato per la costituzione delle 15 fondazioni di comunità locali e a supporto della loro attività filantropica sul territorio.

“Momenti come questo sono importanti per tracciare un bilancio – ha detto Giuseppe Guzzetti, Presidente di Fondazione Cariplo dal 5 febbraio 1997 – I numeri sono fondamentali per comprendere la portata dell’azione della nostra attività filantropica, ma non dimentico mai di ricordare che il valore ancor più grande è quello dell’innovazione sociale che abbiamo saputo realizzare e delle tante storie di persone che hanno lavorato con noi o che hanno beneficiato dei progetti, dal sociale, alla ricerca scientifica, fino all’ambito culturale ed ambientale. Il valore più importante sono quei bambini, quelle donne, uomini, giovani e anziani, malati o in buona salute che hanno toccato con mano cosa vuol dire il bene comune realizzato dalla nostra attività filantropica, sviluppata in collaborazione con associazioni, enti locali, ong, fondazioni. Sono orgoglioso, per quanto fatto finora, ma sappiamo quanta strada ci sia ancora da percorrere”. “La nostra Fondazione in 25 anni di storia è passata dall’essere un semplice sportello erogativo per fornire contributi ai progetti più meritevoli, al proporsi come soggetto competente che partecipa attivamente ai progetti, un vero e proprio partner per le organizzazioni che sosteniamo – ha concluso Guzzetti.

Andrea Mascetti, membro della Commissione Centrale di Beneficenza di Fondazione Cariplo e nominato dalla Provincia di Varese: “Stiamo facendo innovazione sociale, un concetto che va ben oltre il classico valore economico delle attività, che svolgiamo o che sosteniamo, che ha un valore di cui le nostre comunità si rendono conto sempre di più. E’ stato così per l’housing sociale, una rivoluzione nel concetto di abitare insieme, in comunità che condividono spazi e servizi, è stato così per il welfare di comunità, per la cultura come volano economico e benessere per le persone, per la ricerca scientifica che cambia la vita delle persone, per l’ambiente che noi contribuiamo a conservare e che è alla base del nostro benessere. I nostri Bandi sono occasione per lavorare insieme alle organizzazioni e alle persone, per evidenziare problemi emergenti e cercare risposte concrete e soddisfacenti”

Giorgio Gaspari, varesotto e membro della Commissione Centrale di Beneficenza di Fondazione Cariplo “I numeri lo dimostrano perfettamente: il nostro territorio è riuscito a proporre progetti di grande valore e a ricevere dal 1991 una cifra davvero importante pari a 80 milioni di euro, a testimonianza dell’intraprendenza e della professionalità delle nostre associazioni locali. Gran parte dei progetti sostenuti sono stati dedicati alle categorie più fragili (minori, anziani, persone svantaggiate) e alle iniziative culturali e artistiche ma grande importanza è stata dedicata all’Ambiente e al tema della sostenibilità ambientale, si pensi per esempio ai progetti sulle connessioni ecologiche”.

Fondazione Cariplo festeggerà i 25 anni con una serie di iniziative durante tutto l’anno. In particolare partirà il tour in Lombardia che porterà il Festival della Filantropia – partito nell’ottobre scorso da Milano – nelle piazze delle città, per stare in mezzo alle persone e raccontare quanto la fondazione ha realizzato in questi anni, insieme alle organizzazioni non profit del territorio. Il tour è in programma nella seconda parte dell’anno per arrivare al 16 dicembre, vero compleanno della Fondazione.

25 ANNI DI FILANTROPIA> VALORE AL TERRITORIO

La storia di Fondazione Cariplo è indissolubilmente legata al territorio e alle attività delle tante organizzazioni non profit che in questi anni hanno realizzato i progetti. Un forte legame che mostra quanto il non profit lombardo, e delle zone del Novarese e del Verbano-Cusio-Ossola, abbiano saputo interpretare in modo efficace le linee strategiche della Fondazione.

Per l’anno in corso Fondazione Cariplo dispone di un budget 152 milioni di euro per l’attività filantropica a sostegno di progetti che gli enti non profit presenteranno. Le novità, oltre ai bandi, riguardano i 4 programmi ad ampio impatto che interessano le periferie, il recupero delle aree interne, l’impresa sociale, fino alla Jobfactory e ad un nuovo modello per contribuire alla creazione di occupazione. Senza dimenticare ovviamente il tema del welfare.

Di seguito i 4 nuovi programmi intersettoriali:

- Periferie sociali: una grande iniziativa che punta a migliorare la qualità della vita nelle periferie attraverso la riqualificazione urbanistica-architettonica-ambientale, il rafforzamento della coesione sociale in zone degradate, lo sviluppo dell’imprenditorialità sociale e culturale, una grande attenzione ai beni comuni e all’ambiente;

- (De) centrando – riattivare le aree interne, in particolar modo quelle montane, caratterizzate da spopolamento e abbandono; azioni di potenziamento e innovazione delle filiere tipiche delle aree interne (agricoltura, allevamento, turismo) per facilitare la creazione di nuova occupazione, principalmente giovanile, passando per la valorizzazione dei patrimoni culturali materiali e immateriali, la prevenzione del rischio idrogeologico e il miglioramento della qualità della vita;

- Jobfactory: la creazione di un hub, a partire da un luogo fisico che attraverso la rete di Fondazione Cariplo contribuisca a creare occupazione per i giovani; un incontro di saperi tra PMI e grandi aziende, imprese sociali, imprese culturali, scuole, università, enti di formazione, fablab, incubatori/acceleratori.

- Innovazione sociale capacity building del Terzo settore e Impact investing: se efficacemente sostenuti, il terzo settore e i nuovi soggetti che si affacciano nel campo dell’imprenditoria sociale potrebbero promuovere un processo di ammodernamento e innovazione. La finanza sociale/impact investing potrebbe supportare un ecosistema di imprenditoria sociale fortemente orientata all’innovazione applicata ai campi di welfare, cultura e ambiente.

“Riusciremo a mantenere un livello erogativo alto anche per il 2016: 152 milioni di euro per concentrarci su Giovani (educazione, formazione capitale umano, occupazione), sul Welfare di comunità, e sul benessere delle persona, fisico, sociale e ambientale, con particolare riguardo alle persone anziane e fragili – ha spiegato Sergio Urbani, Segretario Generale della Fondazione – Le fondazioni di origine bancaria, così come l’insieme dei soggetti filantropici, si trovano a gestire una fase di profonda innovazione in cui viene ripensato il concetto di erogazione a fondo perduto. Nasce una visione moderna di filantropia che mixa le risorse messe a disposizione a fondo perduto con quelle che provengono dagli investimenti del patrimonio.

In questo processo Fondazione Cariplo ha aperto in Italia una strada nuova con gli impact investing, secondo il principio che le risorse siano impiegate in iniziative capaci di restare in vita da sé, siano impiegate per creare valore. La Fondazione è un soggetto filantropico innovatore nel suo ruolo di promotore degli approcci imprenditoriali che può essere svolto non solo attraverso il finanziamento filantropico, ma anche attraverso l’avvio di progetti propri e partecipati o tramite investimenti patrimoniali”

“Attiveremo dunque quattro grandi programmi che esprimano in maniera forte l’identità che Fondazione Cariplo si è costruita fino ad oggi, con l’obiettivo di concentrare risorse economiche e competenze della nostra struttura operativa per realizzare importanti iniziative pluriennali che faranno innovazione, sperimentazione e, che vogliamo, producano impatto” ha concluso Urbani.

Una logica nuova che, ai mille progetti finanziati ogni anno e realizzati dalle organizzazioni non profit sostenute da Fondazione Cariplo, aggiunge un elemento di sfida: aprire nuove frontiere e immaginare nuovi modelli per soluzioni a problemi che sono sotto gli occhi di tutti, ma sui quali occorre concentrarsi con uno sforzo speciale e straordinario.

“In passato abbiamo già dato vita a programmi di questo tipo – ha ricordato Guzzetti – con l’housing sociale, i distretti culturali, per i progetti a sostegno del welfare di comunità, ad esempio, per il quale nel 2016 metteremo a disposizione altri 10 milioni di euro, ma mai avevamo affrontato le questioni creando task force che coinvolgessero più aree sullo stesso tema. Un nuovo approccio multidisciplinare che sono sicuro darà ottimi risultati”.

I BANDI 2016

Sono 14 i Bandi già disponibili sul sito di Fondazione Cariplo (ma altri saranno resi noti nel corso dell’anno). La dimostrazione di quanto questa attività susciti l’interesse delle organizzazioni non profit viene da un dato: in poche ore, venerdì 29 gennaio, sono state circa 9000 le visite alla sezione del sito della Fondazione dove sono stati pubblicati e migliaia anche le visualizzazioni sui social network per i quali è stato creato un hashtag: #bandiCariplo16.

Di seguito le tematiche su cui si concentreranno i bandi 2016.

Ambiente:

* Bando Capacity building

* Bando Comuni efficienti e rinnovabili

* Bando Comunità resilienti

* Bando Connessione ecologica

Arte e Cultura:

* Bando Cultura sostenibile

* Bando Cultura e Media in Europa

* Bando Partecipazione culturale

* Bando Buone prassi di conservazione del patrimonio

* Bando Patrimonio culturale per lo sviluppo

 

Ricerca scientifica:

* Bando Ricerca integrata sulle biotecnologie industriali e sulla bioeconomia

* Bando Ricerca biomedica condotta da giovani ricercatori

* Bando Ricerca dedicata al dissesto idrogeologico: un contributo per la previsione, la prevenzione e la mitigazione del rischio

* Bando Ricerca biomedica sulle malattie legate all’invecchiamento

* Bando “Thought for Food Initiative – Transdisciplinary research towards more sustainable food systems”

Servizi alla persona

* Bando Housing sociale per persone fragili

* Bando “Infanzia, prima. Sostenere partenariati territoriali e progetti innovativi nei servizi di educazione e cura per la prima infanzia”

 

10 febbraio 2016
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs