Varese

Varese, Leonardi (Forza Italia): il nostro candidato resta Luca Marsico

L'intervento di Leonardi con Bitta Frattini e Giossi Montalbetti

L’intervento di Leonardi con Bitta Frattini e Giossi Montalbetti

Una serie di incontri sui temi del territorio che costituiscano l’ossatura della campagna elettorale di Forza Italia, ma che non terminino con il voto amministrativo andando oltre. “Riapriamo un colloquio con i cittadini che non si fermerà con le elezioni”, assicura il coordinatore cittadino di Forza Italia di Varese, Roberto Leonardi, che questa mattina, insieme all’assessore Giossi Montalbetti e alla responsabile Comunicazione Bitta Frattini, ha lanciato l’incontro che si terrà a Varese, presso la Sala Montanari, con il titolo “Il Lago di Varese, cultura, tutela dell’ambiente e sviluppo economico”.

L’incontro, con la partecipazione del sindaco Fontana e dell’eurodeputata Lara Comi, e chiuso dal presidente Luca Marsico, è in programma venerdì 5 febbraio alle ore 20,30.

Sicurezza, scuole, sanità (in particolare l’ospedale del Ponte), disabili, sono i temi che Leonardi indica come prossimi appuntamenti. Ma si parte dal “grande malato”, il Lago di Varese. “Un tema, per Varese, dal grosso profilo identitario”, rimarca il coordinatore cittadino. “Occorre guardare al futuro del nostro lago valorizzandolo come bene culturale ed ambientale, ma anche volano per uno sviluppo economico sostenibile”. L’assessore Montalbetti, esponente moderato del centrodestra varesino, dice che l’incontro segue “un lavoro forte di questa amministrazione sul lago e la Schiranna, lavoro che ha ricevuto, dai cittadini, una risposta assai positiva”. E ricorda come il lago abbia già calamitato l’interesse del mondo imprenditoriale straniero, come nel caso delle delegazioni cinesi.

Ma il lancio dell’evento sul lago è occasione, per Leonardi, di fare il punto sulle prossime amministrative. “Il nostro candidato lo abbiamo, ed è Luca Marsico”, dice Leonardi. “Non credo che la Lega abbia l’interesse a spaccare la coalizione, anche se è una fase in cui sta cercando un nuovo equilibrio interno”. Leonardi attende il nome di un “candidato che faccia da collante, non sia divisivo” e sul quale confrontarsi. “Non abbiamo optato per le primarie, e dunque occorre tempo per scegliere, in altro modo, il candidato sindaco”. Con quale limite? “Sono romantico e penso al giorno di San Valentino… Nel frattempo iniziamo la campagna elettorale perchè i contenuti non coincidono con il candidato: iniziamo a parlare con la città per individuare un programma che i varesini apprezzino”.

29 gennaio 2016
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs