Varese

Varese, Mercato del lavoro, si registra un “cauto risveglio”

operai_in_fabbrica_1-300x225Nei primi nove mesi dello scorso anno sono stati registrati, in provincia di Varese, 81.994 nuovi contratti a fronte di 79.231 cessazioni di rapporti di lavoro. Il saldo attivo è dunque di 2.713. I dati sull’occupazione, elaborati dall’Ufficio Studi e Statistica della Camera di Commercio, sono disponibili sul portale OsserVa.

Rispetto al periodo gennaio-settembre 2014, sono stati costituiti oltre 4.500 nuovi rapporti di lavoro in più, facendo registrare un incremento netto delle assunzioni pari al 6%. L’analisi di tale dinamica conferma i segnali già osservati durante il 2015 in merito a un “cauto risveglio” del mercato del lavoro provinciale.

In particolare, è confortante il dato relativo alle assunzioni a tempo indeterminato che hanno registrato, nei primi sei mesi dell’anno (ultimo dato disponibile), un deciso incremento a Varese come nel resto del Paese, attestandosi su tassi di variazione del 50%. Nello stesso periodo, inoltre, anche le ore autorizzate di Cassa Integrazione Guadagni hanno registrato un sensibile ridimensionamento: -34,6% tra gennaio e settembre 2015, con oltre 9 milioni di ore in meno rispetto all’anno precedente. I decrementi più rilevanti hanno riguardato la straordinaria (-44,7%) e hanno interessato tutti i settori industriali, a eccezione di quello alimentare.

Si segnala, infine, un decremento del flusso dei lavoratori iscritti nelle liste di mobilità (con riferimento alla sola Legge 223 che riguarda le grandi imprese) che nei primi nove mesi dello scorso anno sono stati 1.034, il 48% in meno rispetto ai dodici mesi precedenti.

18 gennaio 2016
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs