Varese

Varese, Giannantoni: il futuro sindaco si spenda sulla memoria

Franco Giannantoni

Franco Giannantoni

Pubblichiamo un’altra lettera al Direttore arrivata dallo storico varesino Franco Giannantoni, che risponde ad una sollecitazione di Cesare Chiericati, proponendo interessanti spunti di riflessione:

Caro Direttore, a costo di apparire pedante (rischio corso più volte e di cui sono consapevole), colgo il cortese suggerimento di Cesare Chiericati per registrare che, a meno di un sussulto in extremis, non so immaginare da cosa prodotto, i vari candidati a Palazzo Estense di ogni gruppo politico non sfioreranno (non lo hanno fatto sinora) nei loro programmi il tema della difesa della “memoria” né quello di una lettura critica della Resistenza locale appiattendosi semmai, se mai lo facessero, sul terreno della retorica (corone, parate, o ammennicoli vari) o del perpetuarsi di una ricostruzione pseudo storiografica francamente inutile. Il tema non porta voti e semmai, per un candidato del cosiddetto centro-sinistra rischia di farne perdere!

Varese inoltre, punto importante, non ha una sede degna di tal nome (a differenza di molte città) per un Istituto della Resistenza, sopravvivendo unicamente come entità giuridica presso sedi private o semi pubbliche. Voglio dire che non c’é un buco per un ricercatore o uno studente dove andare a parare.

Se ci fosse si potrebbe cogliere anche un grande risultato e cioè quello di radunare in un solo sito (é ora!!!) il materiale cartaceo resistenziale disperso in mille rivoli. La “memoria” va curata, promossa, seguita.

La speranza comunque é che Varese esprima nei mesi futuri un Sindaco che su questo terreno spenda un po’ della sua “voce” . Basterebbe un belato, un soffio d’aria, un accenno soffuso.

Cordialità, Franco Giannantoni

12 gennaio 2016
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs