Varese

Varese, Alla Ghiggini il Natale dei poeti e della cultura. Ci sarà più attenzione del Comune?

DSC07629Si è svolto a Varese, presso la centralissima Galleria Ghiggini, un piccolo evento dedicato alla Nuova Editrice Magenta. Un appuntamento per uno scambio di auguri e per un reading di poeti: al termine di un anno tanto tumultuoso e difficile, cosa c’è di meglio che lasciare spazio ai poeti e alla cultura? Il pomeriggio organizzato da Dino Azzalin per mettere al centro la poesia davanti all’albero di Natale è ben riuscito. Ed è terminato con la classica fetta di pandoro e un brindisi beneaugurale.

Ma cosa è accaduto? Nulla di particolare, se non il fatto che tanti autori, poeti, scrittori si sono trovati per leggere i loro testi. Brevi frasi, paragrafi, magari un’invettiva, la poesia è tutto questo. E così si sono messi in gioco, divertiti ma attenti alla pagina, Sergio Di Di Siero, Serena Contini, Arnaldo Bianchi, Viviana Faschi, Alfredo Maestroni, Corrado Guerrazzi, Elena Danelli, Sandro Sardella, Silvano Lista, Giovanni Zappalà, Marcello Castellano, Stefania Cadario. Presenti, senza leggere testi, invece Alba Rattaggi, Silvia Venuti, Vincenzo Di Maro.

Prima della lettura l’iniziativa è stata presentata da Dino Azzalin, che ha lanciato l’idea di acquistare quote della casa editrice Nem, quasi una forma di azionariato popolare a sostegno di una casa editrice che, in questi anni, ha sostenuto tanti autori locali. Per il prossimo anno, grandi novità: tra queste, Azzalin ha profilato anche un possibile impegno politico. E poi tanti volumi di giovani autori.

Ma tanti, presenti all’iniziativa, condividevano, nei colloqui a margine dell’incontro, la speranza che la prossima amministrazione comunale sappia dare il giusto peso alla cultura, facendone una leva per il rilancio della città, che ormai conta tante realtà attive sul territorio.

17 dicembre 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs