Varese

Varese, Controlli massicci dell’Arma in zona Laghi e a Busto

carabiniereProsegue il massiccio servizio coordinato di controllo del territorio disposto dal Comando Provinciale di Varese nel capoluogo, in zona Laghi, in Valle Olona, nelle Valli del Luinese e nel centro abitato di Busto Arsizio, che ha già visto e vedrà impegnati per tutto il fine settimana i Carabinieri delle Compagnie di Varese, Busto Arsizio e Luino, coadiuvati dai militari dell’Arma del 2° Nucleo Elicotteri di Orio al Serio (BG).

Sino ad oggi, nel corso del servizio i militari hanno arrestato 6 persone, di cui due italiani e 4 stranieri, e ne hanno denunciate altre 18; sono stati inoltre controllati 290 veicoli ed identificate più di 500 persone. Nel complesso sono state ritirate le patenti a 9 automobilisti e segnalate 6 persone per uso di sostanze stupefacenti.

Tra gli arrestati quattro giovani rumeni, di età compresa tra i 20 ed i 27 anni, provenienti dalla zona di Milano, bloccati dai Carabinieri di Luino subito dopo aver consumato un furto di bottiglie di liquori presso il presso il supermercato “Eurospin” della cittadina. I Carabinieri hanno accertato, infatti, che ognuno dei quattro rumeni indossava sotto i vestiti una muta da sub, utilizzata per riporvi comodamente le bottiglie asportate ed eludere il dispositivo antitaccheggio attestato alle casse. Le mute sono state quindi sequestrate, trattandosi di oggetto fraudolento utilizzato per la commissione del furto. La refurtiva è stata restituita al direttore del supermercato, mentre per i quattro rumeni è scattato l’arresto per furto aggravato.

A Busto Arsizio i controlli hanno consentito di identificare ed arrestare due soggetti italiani, colpiti da provvedimenti di cattura, uno emesso per detenzione fini spaccio sostanze stupefacenti, l’altro per il reato guida stato ebbrezza alcolica.

In particolare le denunce in stato di libertà sono scattate nei confronti di un albanese di 28 anni, incensurato, bloccato a Malgesso dopo un lungo inseguimento avvenuto lungo la strada statale che collega Vergiate a Besozzo. Proprio i Carabinieri della Stazione di Besozzo, in collaborazione con la Polizia Locale di Travedona – Monate, nel vigilare le zone residenziali ed industriali, sorprendevano il denunciato a bordo di una Mazda 6 rubata ad Ispra pochi giorni prima, in compagnia di altri due complici, fuggiti nelle campagne poco prima di essere bloccati. Sull’auto venivano rinvenuti attrezzi atti allo scasso (cacciaviti, piedi di porco, torce e guanti) e diversa refurtiva – tra cui numerosi preziosi – ricollegabile a furti perpetrati nei giorni scorsi nelle abitazioni della Provincia. Parte della è già stata restituita ai legittimi proprietari. Il malvivente dovrà rispondere di furto in abitazione, ricettazione e possesso ingiustificato di chiavi alterate.

Sempre a Varese è stato denunciato un 25enne di origini albanesi del luogo che, fermato ad un posto di controllo, cercava di liberarsi di alcune dosi di cocaina gettandole fuori dalla propria autovettura. I Carabinieri, perquisendolo, rinvenivano tre dosi di sostanza e 415 euro in banconote di piccolo taglio. Ad Arcisate, i militari della Stazione Carabinieri rintracciavano e denunciavano in stato di libertà per furto aggravato un 19enne del posto che nei giorni scorsi aveva rubato una macchina fotografica da 2.550 euro da un negozio del centro ed un portafogli contenente 200 euro, “sfilato” ad una vittima incontrata per la strada.

I militari della Compagnia di Busto Arsizio hanno denunciato per tentato furto aggravato due cittadini nordafricani di 15 anni, studenti e residenti a Legnano, che sono stati bloccati subito dopo aver cercato di trafugare della merce elettronica dal supermercato “Esselunga”, di Castellanza. Sempre a Busto Arsizio è stato denunciato per porto abusivo di arma bianca un 45enne italiano di Novara, controllato alla guida della sua autovettura e trovato in possesso di un manganello telescopico.

I carabinieri della Stazione di Laveno Mombello hanno infine denunciato a piede libero due uomini residenti a Brenta e Cittiglio, che, controllati alla guida delle rispettive autovetture, sono risultati positivi all’accertamento del tasso alcolemico con etilometro. Per uno dei due conducenti, pizzicato con un tasso massimo di 2,13 g/l, è scattato anche il sequestro dell’autovettura.

12 dicembre 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs