Varese

Varese, Primarie Centrosinistra, il ministro Orlando: Marantelli può vincere la sfida

Orlando e Marantelli

Orlando e Marantelli

Si presenta al De Filippi insieme al ministro della Giustizia, Andrea Orlando, il candidato alle primarie del centrosinistra Daniele Marantelli. Una presenza, quella del ministro, che accompagna Marantelli al voto del 13 dicembre, quando il centrosinistra deciderà con quale sindaco sfidare il centrodestra per la poltrona più alta di Palazzo Estense.

“Queste settimane di campagna elettorale sono state molto belle e faticose – dice Marantelli -. Non sono mai mancato ad un voto alla Camera, ma conosco Varese come le mie tasche, non c’è un rione che non conosca”. Marantelli ha ricordato le sue origini famigliari, la lunga carriera politica (“ha fatto la gavetta”, lo interrompe il ministro), la voglia di vincere. “Non sono un appassionato di De Coubertin”, sorride il deputato Pd. E per quanto riguarda il dopo primarie, Marantelli dice che non mancherà di allargare la coalizione “per recuperare consensi a sinistra”, oltre ad una “lista civica a sostegno del sindaco, una lista, statene certi, che non sarà composta da Pd travestiti”.

Interviene quindi il ministro Orlando, che esordisce dicendo: “Non sono qui in quanto amico di Marantelli, ma come dirigente del Pd che considera quella di Varese una grande sfida, con una valenza simbolica. E che ritiene Marantelli come quello che più seriamente sia in grado di farcela”. Il ministro si è poi addentrato in un’interessante analisi della politica leghista sul nostro territorio. Un partito che oggi sta vivendo una fase di “lepenizzazione” che lascia un vuoto di rappresentanza dei ceti produttivi che costituivano la base del consenso alla Lega: “un vuoto che Marantelli è in grado di colmare, in quanto in lui il profondo legame col territorio non scade mai in localismo”.

Il ministro della Giustizia ha ricordato che la sua componente politica non aveva mancato di osteggiare Renzi al suo apparire. “Ma Marantelli, che ci vede lontano, è stato quello che ci ha visto più lontano, che capisce ciò che sta cambiando e ci ha convinti delle potenzialità che Renzi poteva rappresentare”. “Perdere Marantelli a livello nazionale, se diventerà sindaco, per noi non sarà facile – ha concluso il ministro -, ma pensiamo che il regalo di Natale più bello del Pd a Varese sia quello di candidare Marantelli a sindaco della città”.

Al termine della conferenza stampa, si è svolta al De Filippi un incontro tra il ministro Orlando e gli avvocati varesini.

10 dicembre 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs