Varese

Varese, “Punto sul rosso”, allo Spazio Lavit trenta autori giocano col colore

Alberto Lavit e gli artisti

Alberto Lavit e gli artisti

Sorride, ma lo dice subito, a scanso di equivoci, Alberto Lavit, quando presenta la mostra collettiva dal titolo “Punto sul rosso”: “E’ una mostra assolutamente apolitica…in questi tempi di primarie è meglio chiarirlo subito”. Una mostra, quella che si è aperta oggi pomeriggio, che arriverà fino al 16 gennaio 2016.

Una data importante, nella vita di questa galleria: è la prima volta che, con impegno e sforzo, allo Spazio Lavit, viene organizzata una collettiva di opere accomunate dall’uso del rosso, con uno spettro di significati ampio ed eterogeneo. Molti gli autori, una trentina, che presentano a volte proprie opere diverse, magari divise da una lunga parentesi temporale.

Come spiega la curatrice della mostra, Laura Orlandi, “il rosso è protagonista. Una tonalità audace che caratterizza le singole opere con valenza diversa, simbolo di forza, di amore o di passione”. Il rosso torna nelle tele e nella scultura proposte allo Spazio Lavit: da opere più astratte e materiche, come quella di Pino Pinelli, alle forme più astratte di Sandro Sardella, fino ad una simpaticissima tela di Carlo Lavit dedicata niente meno che ad un ironico Casanova.

Tra gli autori, alcuni grandi maestri, da Enrico Baj a Bernard Aubertin, da Pino Pinelli a Silvio Monti, da Gottardo Ortelli a Giuliano Tomaino. Con loro opere sono presenti anche Cristina Balsotti, Massimo Barlettani, Luigi Bello, Franz Borghese, Hsiao Chin, Claudio Cintoli, Sandro Del Pistoia, Paolo Fiorellini, Max Fontana, Ferdinando Greco, Wifredo Lam, Gianni Landonio, Carlo Lavit, Nes Lerpa, Luca Lischetti, Veronica Mazzucchi, Ester Maria Negretti, Raffaele Penna, Pino Pinelli, Giorgio Robustelli, Sandro Sardella, Giulia Scandolara, Emi Schumacher, Giorgio Sovana,Vera Verena Stoss, 3Re.

 

 

 

FOTO

28 novembre 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs