Gallarate

Gallarate, Giancarlo Giannini ricorda Massimo Troisi al Condominio

Giancarlo Giannini

Giancarlo Giannini

Gallarate è orgogliosa di presentare un’esclusiva teatrale assoluta, emozionante, imperdibile. E’ soltanto sul palco del Teatro Condominio, infatti, che potrete ascoltare e vedere il 28 novembre, alle ore 21, a pochi passi da voi, uno dei più grandi attori del nostro cinema e del teatro italiano: Giancarlo Giannini.

Sotto la direzione di Gian Paolo Mai, in un evento unico per la Lombardia, Giannini ricorderà affettuosamente un altro grande attore, Massimo Troisi, a vent’anni dalla sua prematura scomparsa. Lo spettacolo ne ricorderà l’uomo e l’attore, e il vuoto che ci ha lasciato sembrerà subito meno incolmabile: Giannini, lo farà rivivere. Egli infatti ripercorrerà, con la sua presenza scenica e la straordinaria voce, il percorso artistico e umano di Troisi.

In scena si alterneranno momenti di narrazione e di sublime interpretazione, contrappuntati da un’inedita colonna sonora (eseguita dal vivo) e da indimenticabili immagini filmiche, in una sorta di melologo multimediale che disegnerà il sentiero su cui scorrerà la carriera artistica di Massimo Troisi, dai primi passi ai grandi successi cinematografici.

Un recital che vuole essere un caloroso omaggio e commosso ricordo che affida alla poesia, alla musica, alle parole e alle immagini il compito di comporre l’immenso e mai compiuto puzzle della personalità di Massimo.

Un’opera mai realizzata prima d’ora, in cui Giannini sarà affiancato dallo stesso Gian Paolo Mai e dal talento di Licia Missori e Cristian Nevola, che nel percorso musicale dello spettacolo renderanno un affettuoso omaggio anche a Pino Daniele, legato a Troisi da grande amicizia e da un’intensa collaborazione artistica. Giannini, meritatamente chiamato da tutti ‘maestro’, regala proprio a questa città un cameo che potremmo definire prezioso, oltre che unico.

Non ci saranno tappe in tutti i grandi teatri italiani, dopotutto, come è solito fare Giannini. “E’ solo per Massimo, a vent’anni dal suo passaggio in un’altra vita, con tutto il mio e il vostro affetto” potremmo immaginare di sentir sussurrare al maestro, in questo momento, con la sua profonda e inconfondibile voce ormai più che familiare grazie al cinema, la televisione, ai palchi più importanti di ogni città.

 

24 novembre 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs