Parigi

Parigi, Attacchi nella capitale francese, allarme di Hollande, solidarietà di Renzi

L'appello del presidente Hollande

L’appello del presidente Hollande

La capitale francese sotto attacco. Sparatorie simultanee e in luoghi diversi hanno gettato Parigi nel terrore ieri sera. Colpiti un ristorante del X arrondissement, la sala concerto del Bataclan, che si trova nell’XI arrondissement, dopo il concerto degli Eagles of Death Metal, tre esplosioni attorno allo Stade de France, alla periferia di Parigi, dove era in corso l’amichevole Francia-Germania. Migliaia le persone rimaste bloccate allo stadio parigino.

Un attacco violento che ha colpito Parigi, mentre fonti di polizia parlano di almeno 60 morti. Il bilancio delle vittime sarebbe pesantissimo in particolare nel ristorante. Il presidente Hollande, che assisteva alla partita, è stato fatto allontanare dallo stadio ed è andato al ministero dell’Interno per seguire gli eventi. Ha poi preso la parola con un discorso televisivo alla nazione, il volto preoccupato e teso.

Testimoni che si trovavano al Bataclan di Parigi hanno raccontato in lacrime che i terroristi gridavano “Allah u Akbar”, “Allah è grande”. E militanti dello Stato islamico hanno immediatamente celebrato su Twitter con l’hashtag in arabo “Parigi in fiamme”. Le indagini sono state subito prese in carico dall’antiterrorismo. 

Subito il governo italiano, con le parole del premier di Matteo Renzi, ha espresso alla Francia la massima solidarietà.

14 novembre 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs