Varese

Varese, Il giudice-scrittore Battarino presenta il suo libro calcistico

Giuseppe Battarino

Giuseppe Battarino

Venerdì 20 novembre alle ore 18.30 presso la Libreria del Corso di Varese, il giudice-scrittore Giuseppe Battarino presenta il suo ultimo libro “Da uno a undici. Elogio di un calcio possibile” (Edizioni Del Gattaccio). Una presentazione in collaborazione con l’Associazione Culturale “Le Curiose”

Il libro prende lo spunto da un fatto ormai tranquillo da anni per chi segue il calcio: i numeri sulle maglie non corrispondono ai ruoli. Per ragioni commerciali e televisive, ma anche perché i ruoli stessi sul campo sono cambiati radicalmente. Un tempo – quello con le mattine di persona su campi sdruccioli e i pomeriggi con la radiolina attaccata all’orecchio – lo stopper affiancava il libero, la mezz’ala sinistra faceva il regista e il centravanti i gol.

Ma oggi: il terzino (transustanziatosi in laterale) è un difensore o un centrocampista? Il centravanti (ops, la prima punta… alla Hidegkuti o falso nueve?) punta la rete o deve fare da sponda per l’inserimento degli interni (ex mezze ali)? E si approfondisce e si racconta – con dovizia di particolari e di ricordi che ancora emozionano – andando anche più in là: alle radici dell’evoluzione degli undici, interrogando numi tutelari come Herbert Chapman, Alfredo Foni, Karl Rappan, Una sola cosa resta fuori discussione: la profonda archetipicità degli undici, ciascuno con un ruolo e ciascuno con il suo posto preciso anche se diverso nel tempo. Undici che diano vita a un collettivo: l’unica dimensione che – dal calcio di un tempo – possa di nuovo superare l’individualismo mediatizzato di oggi e rifondare un calcio e una società possibili.

GIUSEPPE BATTARINO è nato a Lugano il 12 maggio 1959, è magistrato, scrittore e saggista. Dopo la laurea in Giurisprudenza ha lavorato in un’azienda di telecomunicazioni, e al Comune di Como come dirigente dell’organizzazione. Ha svolto dal 1992 le sue funzioni professionali di magistrato in Lombardia e in Calabria, come giudice penale e pubblico ministero; da ultimo è stato Coordinatore dell’Ufficio Gip del Tribunale di Varese prima di passare (gennaio 2015), a collaborare con la Commissione parlamentare d’inchiesta sul ciclo illecito dei rifiuti e gli illeciti ambientali. Dal 2005 al 2011 ha insegnato Diritto penitenziario e Diritto processuale penale nell´Università dell´Insubria; ha al suo attivo oltre trenta pubblicazioni in materia giuridica. Collabora stabilmente con il quotidiano “La Provincia di Como”. Nel 2007 ha pubblicato la raccolta di saggi “Il confine lieve. Scritti dall’Insubria” (Nodo Libri, Como). Nel 2009 ha esordito nella narrativa con il romanzo “Sentieri invisibili” (Todaro Editore),

finalista al Premio Falerno. Ha poi pubblicato i racconti “Sotto le campane”, “Fuoco nel cielo” e “Dagli occhi” (da cui è tratto l’omonimo lavoro teatrale); “Nonostante”, nella raccolta “Omicidio al ristorante”; “Una città non più murata”, in “Como si racconta”. È coautore della pièce teatrale “Virginia” e della lettura scenica “Non è ammessa”. Nel 2011 è uscito il romanzo d’investigazione “Le inutili precauzioni” (Todaro Editore). Nel 2012 è stato insignito del premio “Città di Luino”. Di prossima uscita: “Tempo della giustizia” (Nodo Libri, Como).

Vanta due presenze nella Nazionale Italiana Magistrati.

 

13 novembre 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs