Varese

Varese, Scende in campo “Varese Cresce” contro l’inerzia di Forza Italia

Da sinistra Santinon, Clerici, Cosentino e Mulas

Da sinistra Santinon, Clerici, Cosentino e Mulas

Una nuova realtà nasce nel centrodestra della città: si chiama “Varese Cresce”. Nasce dall’associazione “Orizzonte Ideale”, un gruppo che guarda a destra e che, almeno in parte, conta tra le sue fila iscritti a Forza Italia. Questa mattina il vertice dell’associazione, con l’ex assessore Stefano Clerici, l’assessore all’Ambiente Riccardo Santinon, il consigliere comunale forzista e coordinatore di “Orizzonte Ideale”, Giacomo Cosentino, e Leslie Mulas, ha lanciato la nuova creatura, che farà i suoi primi passi grazie a tre tavoli a cui sono chiamati cittadini e professionisti varesini, uno sulla sicurezza, uno sulla famiglia e uno sull’ambiente.

“Varese Cresce”, come rimarca il consigliere Cosentino, “è una spinta propulsiva contro l’inerzia programmatica che sta caratterizzando il centrodestra”. Un centrodestra, continua Cosentino, che a Varese “si concentra sullo stabilire il perimetro della coalizione, sulle alleanze tra i partiti, invece di dedicarsi ad un programma più incisivo rispetto a ciò che ha fatto la buona amministrazione Fontana”.

Ancora più esplicito, circa la novità della creatura più di destra che di centro, è l’ex assessore Clerici, che dichiara: “Oggi scendiamo in campo e partiamo a lavorare su un programma che ci auguriamo che possa essere condiviso da tutto il centrodestra. Altrimenti…”. Sembra di capire, anche se i militanti di Orizzonte Ideale non lo dichiarano esplicitamente, che si sta pensando anche ad una corsa solitaria e ad una lista che potrebbe rilanciare un’area politica che pare essere in un impasse. Attacca ancora Forza Italia il consigliere Cosentino: “Su sicurezza, profughi, famiglia naturale, Forza Italia non ha tenuto una linea netta. E poi a noi non sfiora neppure il cervello che si possa sostenere un candidato come Marantelli. Siamo e restiamo nel centrodestra”. “I tatticismi di Forza Italia rischiano di perdere l’elettorato di centrodestra”.

Riprende Clerici: “Occorre più coraggio e la volontà di portare fino in fondo le proprie idee. Per quanto riguarda il sociale, è ora di piantarla con i finanziamenti a pioggia e i fondi dati alle associazioni che si occupano di profughi: pensiamo ai nostri anziani, alle nostre famiglie, ai nostri disabili”. “Centrale resta per noi la sicurezza”, insiste Mulas.

Infine l’assessore Santinon precisa: “Pensiamo alle piccole cose che interessano la città, e non ai progetti faraonici di dubbia utilità. Meglio i piccoli interventi che concreti che le mega-opere che poi restano bloccate”. In poche parole “una paginetta – dice Clerici – con alcuni punto concreti e realizzabili”.

 

5 novembre 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs