Varese

Varese, Mostra d’arte etiopica di Abba Renato per Medici con l’Africa

La Brunella

La Brunella

Sabato 24 ottobre alle ore 17 presso il Salone Parrochiale della Brunella via Marzorati 5 a Varese inaugurazione della Mostra benefica di Pitture Etiopiche su pelle e tela, icone tradizionali su legno, e tovaglie ricamate a mano realizzate nella scuola d’Arte di Padre Renato Saudelli.

C’è la scelta sbagliata di Abena, che ha imparato a disegnare, o la strada pericolosa della droga di Uhruru che si è messa giocare coi colori, o Acai ragazzina abbandonata alla nascita che ha imparato a ricamare, o la difficile storia di Olaynka che si prostituiva già all’età di tredici anni, ma sono solo alcune delle storie di giovani etiopici che Abba Renato, missionario della Consolata di Torino, che da 32 anni, raccoglie queste vite sventurate ai bordi della strada di una capitale tentacolare e difficile come Addis Abeba.

Emblematica la storia di Dante Henoch orfano di padre e di madre che ha potuto finire gli studi grazie alla sua forza d’animo e all’aiuto prezioso di Abba Renato, ha preso la patente e oggi è diventato un driver brillante e molto richiesto dai viaggiatori che vanno in Etiopia. Tutti ragazzi e ragazze di strada che non hanno avuto paura di diventare grandi, ma anche quelle di uomini e donne che giovani non sono più ma che con la forza della loro esperienza dicono, attraverso l’arte, che la loro vita non è cresciuta invano, che si può sognare ancora, che la vita offre sempre un’altra possibilità.

La mostra è organizzata nell’ambito delle iniziative solidali di ottobre, dall’associazione “Medici con l’Africa Cuamm” -Varese, grazie anche all’ospitalità della Parrocchia della Brunella di Varese.  All’inaugurazione sarà presente oltre a Abba Renato, anche Dino Azzalin, presidente di Medici con l’Africa CUAMM Varese, che porterà la propria testimonianza diretta e presenterà i nuovi progetti dell’associazione. Il ricavato della mostra sarà destinato a borzse di studio per i ragazzi di strada seguiti da padre Saudelli.

 

22 ottobre 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs