Regione

Regione, Movimento 5 Stelle, no alla fiducia a porte chiuse di Maroni

pirelloneDuro intervento di Dario Violi, capogruppo del M5S Lombardia, sulla riunione di maggioranza a seguito dell’arresto di Mario Mantovani e dell’indagine sull’Assessore al Bilancio Massimo Garavaglia: “La fiducia a porte chiuse a Maroni è ridicola. Questa maggioranza non ha alcun diritto di autoassolversi, le responsabilità politiche del suo fallimento, prima di quelle penali, sono evidenti. Avevano promesso, con le scope in mano, una Lombardia diversa trasparente, legale e pulita, invece sembra di essere tornati alle tangentopoli di vent’anni fa. Fare un passo indietro per Maroni sarebbe il primo atto degno di nota nel suo mandato”. 

Continua Violi: “Il fallimento della Giunta Maroni è sotto gli occhi di tutti, dalle inchieste di questi giorni, ai falsi annunci, alle promesse elettorali mai mantenute, alle nomine senza merito e alla Sanità che non è stata risanata. Maroni farà i conti con i cittadini lombardi che attendevano un Governo del cambiamento dopo i Trota, i Formigoni e le Minetti, quel Governo immaginario non esiste né è mai esistito in Lombardia. Rimandare un passo indietro è solo accanimento terapeutico, una punizione dei partiti ai lombardi che meritano un Governo forte e pulito”.

15 ottobre 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs