Carnago

Carnago, Contro la mafia Salvatore Borsellino incontra i cittadini

Salvatore Borsellino quando incontrò gli studenti di Varese

Salvatore Borsellino quando incontrò gli studenti di Varese

BICA – Biblioteca di Carnago organizza, con la partecipazione delle Agende Rosse – Gruppo Paolo Borsellino e Giovanni Falcone di Varese, un incontro con Salvatore Borsellino che si terrà giovedì 8 Ottobre alle ore 21.00 presso  BICA, Via Libertà 5 a Carnago.

Forse non tutti conoscono chi è Salvatore Borsellino: innanzitutto è il fratello di Paolo, il magistrato ucciso nel 1992 per mano della mafia; ed è anche il fondatore del Movimento delle Agende Rosse, chiamato così in ricordo della famosa agenda del fratello, misteriosamente scomparsa il giorno dell’attentato.

Ora lo scopo principale di Salvatore è quello di fare luce su quali sono i moventi e chi sono i veri mandanti responsabili della morte di suo fratello perché, dopo 23 anni non si è ancora arrivati ad un’accusa definitiva. Il Movimento si prefigge anche di sostenere tutti i rappresentanti dello Stato vittime di campagne di delegittimazione, che mettono a repentaglio la loro stessa vita per aver scelto di rendere viva la Costituzione nella propria professione.

Questo incontro nasce quindi in un momento delicato, soprattutto a Palermo, in cui si fanno nuovamente insistenti le voci sulla presenza di tritolo destinato ad un attentato al Procuratore Nino di Matteo, in quanto titolare di un’inchiesta che fa paura a tanti, quella sulla trattativa Stato-Mafia. E’ spontaneo quindi rivivere la stessa paura degli anni delle stragi, quando circolavano minacce contro Falcone e Borsellino, minacce malauguratamente sottovalutate e terminate con gli attentati.

La missione di Salvatore Borsellino è anche quella di andare nelle scuole, di parlare ai ragazzi, di spiegare loro chi è e cosa fa la mafia, perché sono soprattutto i giovani coloro che possono cambiare il nostro bel paese, che possono ancora crescere con una mentalità non mafiosa. Ed è in questa ottica che Salvatore ha voluto fondare la “Casa di Paolo”.  Ora ci sarà una scuola di informatica per i giovani del quartiere. “Voglio fare tornare Paolo alla Kalsa, il quartiere dove siamo nati, ha detto il fratello Salvatore, questo non sarà un luogo di memoria e di lapidi. Non riesco ad accettare il silenzio di questo quartiere, qui vorrei fare rinascere la tradizione dei ragazzi cresciuti in bottega, io sono un ingegnere informatico e vorrei dare un’opportunità ai giovani che vogliono sfuggire alla spirale perversa della mafia e della povertà”.

Salvatore Borsellino ha acquistato a proprie spese i locali della vecchia farmacia di famiglia, compreso quello attiguo, il resto, oltre 38mila euro, è stato raccolto attraverso donazioni raccolte dal Movimento delle Agende Rosse.

4 ottobre 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs