Varese

Varese, Grande jazz con “Orange” dell’Alex Bioli Project al Lavit

Un momento della serata jazz allo Spazio Lavit di Varese

Un momento della serata jazz allo Spazio Lavit di Varese

Una piacevole serata dedicata al jazz si è svolta ieri sera allo Spazio Lavit di Varese, come sempre affollato di pubblico. Alla ribalta l’Alex Bioli Project, quintetto jazz che ha proposto in anteprima l’ultima produzione discografica “Orange”: nel disco cinque brani inediti più un sesto riarrangiato che arriva dal primo album dell’ Alex Bioli Quartet, “Circle Trip”.

Dopo avere scaldato il pubblico con una serie di “classici” contemporanei anni ’40 e ’50, l’ensemble ha proposto i nuovi brani. Così ai quattro musicisti già in scena, il sassofonista Alex Bioli, Carlo Attolini alla batteria, Thomas Rosenfeld alle tastiere e Marco Conti al contrabbasso, si è affiancata Chiara Bottelli, una bella novità con la sua naturale capacità di passare da una voce duttile e piena alle corde del suo violino.

“C’è davvero tanta energia in questo bellissimo spazio”, ha dichiarato nel corso della serata il leader del gruppo. “Ed è importante fare musica e cultura come questa sera, in questo Paese che sta un po’ barcollando”. Davvero interessanti e accattivanti i brani del nuovo disco, con una gioiosa voglia di giocare, come accade nei diversi momenti di dialogo fitto tra violino e sax.

Al termine del concerto Bioli ha ricordato come il ricavato del disco andrà a finalità benefiche, una piccola scuola di musica costruita in Burkina Faso. E, prima dei saluti finali, una bella versione de “La vità è bella” del grande Nicola Piovani.

2 ottobre 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs