Regione

Regione, Costruzioni in zone sismiche, più responsabilità per i Comuni

cantiere_sicurezzaApprovata in Consiglio regionale la legge che aggiorna la normativa regionale sulle costruzioni in zona sismica, uniformandola così alle nuove disposizioni statali in materia edilizia: in particolare questo provvedimento recepisce anche il pronunciamento della Corte Costituzionale che stabilisce come ogni legge regionale debba prevedere per gli interventi in zona sismica il rilascio di una apposita e preventiva autorizzazione.

La legge regionale lombarda – ha spiegato nel suo intervento la relatrice Donatella Martinazzoli (Lega Nord) - risaliva al 1985 e non conteneva questo obbligo, che ora introduciamo assegnando ai Comuni le funzioni di rilascio dell’autorizzazione e quelle di controllo in merito alla vigilanza sismica. E’ per noi un passaggio dovuto e obbligato: siamo consapevoli – ha aggiunto Martinazzoli - che ai Comuni spetteranno ora ulteriori competenze ma Regione Lombardia metterà a loro disposizione le proprie strutture per assisterli al meglio negli adempimenti introdotti dalla normativa nazionale”.

Hanno votato a favore i gruppi di maggioranza, astenuti Patto Civico e PD che con Jacopo Scandella ha motivato il voto evidenziando perplessità su come, nel recepire questo obbligo normativo, Regione Lombardia non preveda forme maggiori di sostegno e aiuto ai Comuni in relazione ai nuovi oneri posti a loro carico. Voto contrario da parte del Movimento 5 Stelle in quanto, ha detto la consigliera Iolanda Nanni “bocciando il nostro emendamento e il nostro ordine del giorno non c’è stata alcuna volontà di apportare quelle necessarie migliorie al testo per evitare ai Comuni ulteriori carichi amministrativi e mettendo in difficoltà le piccole e medie imprese edilizie”.

La nuova legge, approvata oggi, prevede che qualora i Comuni dovessero evidenziare all’interno del proprio organico la mancanza di adeguate professionalità per la valutazione tecnica dei progetti, essi potranno richiedere e acquisire il parere tecnico di merito direttamente presso il competente Ufficio regionale, che verrà individuato e strutturato a breve con uno specifico provvedimento della Giunta regionale. Complessivamente Regione Lombardia ha già previsto per il funzionamento di questo ufficio uno stanziamento annuo di circa 640mila euro.

Ai Comuni spetterà provvedere al rilascio dell’autorizzazione all’esecuzione di opere o lavori in abitati da consolidare, al rilascio del certificato preventivo ai lavori di sopraelevazione e al rilascio dell’autorizzazione preventiva all’avvio dei lavori in zona sismica. Sarà di loro competenza anche accertare eventuali violazioni legate a lavori edilizi e nuove costruzioni in zona sismica.

La legge approvata oggi prevede infine lo sviluppo di un sistema informativo integrato per consentire la gestione informatica delle pratiche sismiche, che sarà reso disponibile per le strutture comunali e per la rete degli sportelli unici per l’edilizia.

 

29 settembre 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs