Varese

Varese, Lega Nord, Giulietto Chiesa elogia Putin, baluardo d’Europa

L'intervento di Giulietto Chiesa

L’intervento di Giulietto Chiesa

Alla “tre giorni” del Carroccio varesino geopolitica e politica internazionale hanno tenuto banco. Al Bar Socrate di Varese si sono confrontati sul tema “Il collasso dell’Occidente” Mauro della Porta Raffo e Giulietto Chiesa. Moderatore il segretario cittadino leghista Marco Pinti, seduto tra il pubblico anche il sindaco di Varese Attilio Fontana. 

Giulietto Chiesa ha affrontato il tema del “secolo americano”, espressione che caratterizzava una realtà geopolitica dei decenni passati, ma che oggi non appare più fondata, con Paesi un tempo emergenti che stanno dominando il pianeta. Termini forti, quelli usati da Chiesa, toni apocalittici. “Se sarà guerra, sarà guerra mondiale”. Un solo Paese può però contrastare il sogno di restaurare il dominio a stelle e strisce: la Russia di Putin, che nel discorso che fa Chiesa appare come una sorta di ultima spiaggia per un’Europa sempre più protagonista nel pianeta. Secondo Chiesa, gli Usa hanno lanciato la guerra in Ucraina in funzione anti-Russia.

Per Chiesa, in vista dei cambiamenti del futuro e dei tamburi di guerra che potrebbero risuonare, “l’Italia deve restare neutrale, stando fuori dalla Nato, dato che gli interessi Usa non coincidono più con quelli dell’Europa”.

Intervenendo, anche Della Porta Raffo ha guardato con favore Putin. Ma ha poi riportato il discorso sugli Usa. “Apprezzo degli Stati Uniti i principi costituzionali, che dopo secoli restano ancora attuali”. “In prospettiva – ha concluso Raffo – avremo il terzo Bush”.

26 settembre 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs