Varese

Varese, La Notte dei Ricercatori, seicento bambini protagonisti

I bambini ai laboratori

I bambini ai laboratori

Seicento bambini delle scuole di ogni ordine e grado di Varese e Provincia hanno partecipato questa mattina al Campus di Bizzozero dell’Università degli Studi dell’Insubria a “MEETmeTONIGHT – La Notte dei ricercatori”, iniziativa europea con l’obiettivo di fare incontrare l’Università e la Città. I ricercatori dell’Università degli Studi dell’Insubria e della LIUC – Università Cattaneo per tutta la mattinata hanno guidato i piccoli visitatori tra aule e laboratori al fine di far conoscere in maniera semplice e divertente la figura del ricercatore universitario. “La Città in Università” si è articolata in oltre trenta laboratori proposti ai partecipanti, in base alle diverse età.

La manifestazione è realizzata in collaborazione con l’Osservatorio Campo dei Fiori e il Joint Research Centre JRC di Ispra e con il patrocinio dei Comune di Varese e della Provincia di Varese e il sostegno della Camera di Commercio di Varese

Domani, sabato 26 settembre, nel pomeriggio, dalle ore 15,00 alle 19.00, si continua con “l’Università in città”: una serie di iniziative aperte alla cittadinanza.

Si parte con “L’Università dei quattro cantoni” a Piazza Monte Grappa e Via Volta: Piazza Monte Grappa sarà divisa in quattro angoli (i “cantoni”): “Angolo dello Sport”; “Angolo degli Esperimenti”, con l’allestimento di semplici esperimenti da effettuare e far effettuare in prima persona dal pubblico; oltre agli stand di UnInsubria e LIUC, saranno presenti stand del Joint Research Centre JRC di Ispra e dell’Osservatorio Astronomico Schiaparelli; “Angolo di Parola di Scienza” propone “Aperitivi ad alto tasso scientifico” sui temi: La Genetica del sesso e Celiachia, Allergia e intolleranze alimentari; “Angolo del Rettore”, anzi, i Rettori all’Angolo: è una sorta di Question time rivolto ai Magnifici Rettori di UnInsubria, professor Alberto Coen Porisini, e il neoeletto rettore LIUC, professor Federico Visconti, moderato dagli studenti del Corso di Laurea di Scienze della Comunicazione dell’Università dell’Insubria e della Radio di LIUC (ore 17). Nella centrale piazza Cacciatori delle Alpi sarà possibile ascoltare una spiegazione, a cura del professor Andrea Spiriti, storico dell’arte dell’Università degli Studi dell’Insubria, sulla Chiesa di San Martino,notevole esempio di architettura dipinta abbinata alle pitture murali di Pietro Antonio Magatti e Francesco Maria Bianchi, importante testimonianza del rococò varesino settecentesco.

Sempre domani, dalle ore 20.30 alle 00.30, “l’Università in Città” si sposta: in prima serata al Teatro di Varese, dove andrà in scena lo spettacolo “Che fatica sopravvivere!”, un format comico di divulgazione scientifica sui predatori, a ingresso libero e gratuito. Sarà una serata dedicata alle grandi sfide della sopravvivenza nel mondo animale, tra divulgazione scientifica e comicità con Francesco Tomasinelli e Antonio Ornano, comico di Zelig, diventato famoso con il personaggio del naturalista che tanto disprezza gli animali domestici, quanto adora i grandi predatori e gli animali feroci. Ornano e Tomasinelli, con l´ausilio di slide e filmati, esaminano alcuni casi del rapporto tra prede e predatori, confrontando le loro lotte per la sopravvivenza alle placide esistenze degli animali domestici. Oltre ad affrontare grandi temi del mondo animale coinvolgeranno anche “l´animale uomo”. Irresistibile e istruttivo l´effetto umoristico.

Il gran finale è dantesco “…e quivi uscimmo a riveder le stelle” all’Osservatorio Astronomico Schiaparelli, al Campo dei Fiori, i cinquanta che si saranno prenotati nei giorni precedenti all’indirizzo www.astrogeo.va.it andranno al Campo dei Fiori per una osservazione astronomica guidata.

Per info, per iscrizioni, per scaricare il programma di MEETmeTONIGHT – La Notte dei ricercatori, consultare la pagina:http://www4.uninsubria.it/mmt15.html.

25 settembre 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs