Varese

Varese, Via al maxi-cantiere ex Malerba, disagi in vista per i lavori

L'assessore Fabio Binelli

L’assessore Fabio Binelli

Procede il recupero dell’area ex Malerba, grande area industriale dismessa di ottomila metri quadrati che ospiterà, tra qualche anno, un grande supermercato Esselunga. Questa mattina si è infatti svolta una riunione di giunta concentrata su questo progetto: la giunta Fontana ha adottato iProgramma integrato di intervento per il recupero dell’Ex Malerba. 

Come ha spiegato l’assessore all’Urbanistica Fabio Binelli, il Pii, essendo conforme al vigente Pgt, è adottato con i poteri della giunta. I prossimi passaggi sono la pubblicazione per 30 giorni, più altri 30 giorni per la presentazione delle osservazioni. Inoltre, dal momento che la pratica è relativa ad aree di grande struttura di vendita, occorre che sia sottoposta al procedimento regionale. Un progetto che porterà alla chiusura dell’attuale Esselunga di viale Borri, che trasferirà la propria licenza sulla nuova area, chiedendo anche un ampliamento di superficie.

Dunque il Pirellone esaminerà il progetto secondo le proprie procedure: passeranno così sei mesi per la valutazione ambientale e la valutazione commerciale, dopodiché la giunta potrà approvare il Pii definitivo. A quel punto arriverà la firma della convenzione. Esselunga può chiedere il permesso di costruire entro un anno dalla firma della convenzione, e non potrà aprire se non saranno realizzate le infrastrutture concordate per la prima fase. Dunque i cantieri potrebbero aprire nella primavera 2016 e si potrà iniziare a fare la spesa non prima di un anno dopo. 

I lavori per la viabilità saranno – a quanto si è capito questa mattina al termine della giunta – quelli a maggiore impatto sul traffico con i maggiori disagi. In particolare, la realizzazione di due rotatorie che andranno ad eliminare i semafori tra via Gasparotto e viale Borri dovrà passare attraverso la messa a disposizione di percorsi alternativi per il traffico autostradale, percorsi che consentirebbero la realizzazione delle infrastrutture. Ci saranno certamente disagi, che l’assessore Binelli ha detto che si cercheranno di evitare deviando il traffico il più possibile dall’area interessata dall’intervento.

Previsti anche semafori “intelligenti” in via Tasso e un videocontrollo del centro storico a Schianno come richiesto dal Comune di Gazzada. Dalla bretella autostradale sarà poi realizzata una rampa di accesso all’area. Non mancherà un raccordo autostrada – viale Europa: tuttavia il progetto della nuova Esselunga andrà a coprire soltanto metà della Gasparotto-Borri. Prevista infine un’altra rotatoria e due uscite autostradali per i due sensi di marcia (Anas non consente l’entrata per motivi di sicurezza). 

10 settembre 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs