Varese

Varese, “Pedoni maleducati” nel mirino dell’ML Nicoletti

Pedoni nel mirino di Nicoletti

Pedoni nel mirino di Nicoletti

La convivenza civile tra persone passa dal rispetto delle regole che una comunità si è data. E per questo motivo che, negli ultimi anni, abbiamo iniziato una campagna volta a sollecitare il rispetto del codice della strada da parte di tutti gli utenti siano essi automobilisti, ciclisti o pedoni. L’Amministrazione Comunale dovrebbe, a nostro parere, pensare ad attuare una politica volte innanzitutto a prevenire e, se necessario, reprimere fenomeni contrari alla norma.

Quasi inutile sollecitare interventi sugli automobilisti (il 99,9% delle sanzioni è a carico loro), anche se ci piacerebbe vedere un contrasto maggiore di alcune infrazioni, come il parcheggio selvaggio sul marciapiede, sulle strisce pedonali, sul posto riservato ai disabili o sull’abuso di pass, invece di dover constatare che la maggior parte delle multe elevate, seppur del tutto legittime, sono relative al gratta e sosta scaduto o mancante. Insomma, contrastare maggiormente i fenomeni che colpiscono l’utenza debole: ciclisti, pedoni e disabili.

In questo quadro, però, è necessario che l’utenza debole, spesso ignorata dall’azione preventiva e/o repressiva dell’Amministrazione Comunale, faccia la sua parte e che l’Amministrazione Comunale non ignori nella sua azione quotidiana la necessità di far rispettare le regole anche per loro. Una necessità a garanzia prima di tutto della sicurezza del singolo concittadino(automobilista, ciclista e pedone), ma anche di tutti gli altri che potrebbero subire un danno, anche grave, dal non rispetto delle norme di un singolo. E’ con questo spirito che, due settimane fa, abbiamo richiesto di intervenire sui cosiddetti “ciclisti maleducati”, ossia sui ciclisti che circolano in gruppo, sui marciapiedi o che transitano tranquillamente con il rosso.

E’ con lo stesso spirito che oggi solleviamo il caso dei cosiddetti “pedoni maleducati”, ossia dei pedoni che non rispettano le più elementari norme del codice della strada oltre che del buon senso, mettendo a rischio la propria incolumità e quella degli altri. Non tralasciamo, però, di richiedere un maggior sforzo dell’Amministrazione Comunale per garantire maggior sicurezza stradale anche attraverso interventi mirati, come la realizzazione di passaggi pedonali ben visibili ed illuminati, nuovi marciapiedi, nuove isole salva pedone, nuovi tratti di percorsi ciclo-pedonali ed in generale di pianificare interventi di moderazione del traffico. Insomma, ognuno deve fare la sua parte: Comune, automobilisti, ciclisti e pedoni.

Alessio Nicoletti

Capogrupo Movimento Libero a Varese

 

28 agosto 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs