Regione

Regione, Riforma sanità, Alfieri (Pd): migliorato l’assetto di Varese

Alessandro Alfieri

Alessandro Alfieri

“Questa riforma, dall’iter così complesso e contrastato, indebolisce ancora di più la maggioranza di Maroni, che è già molto frammentata. Un partito cardine della coalizione, Forza Italia, ne esce umiliata, e il suo assessore di punta incassa il benservito. È chiaro che le fibrillazioni cresceranno notevolmente”. Lo dichiara il segretario regionale del Pd Alessandro Alfieri commentando a freddo la riforma della sanità lombarda approvata ieri sera al Pirellone.

Alfieri risponde anche a Maroni sulla cancellazione delle aziende ospedaliere, su cui è stato comunque approvato un ordine del giorno che rimanda a inizio ottobre la revisione della decisione: “La verifica del nuovo assetto degli ospedali – spiega il segretario democratico – è stata fortemente voluta dalle opposizioni ed è una scelta saggia per vedere se la nuova governance è davvero in grado di funzionare. Del resto non è stata costruita con criteri oggettivi ma in modo frettoloso e subendo le pressioni di diversi potentati locali. Purtroppo Maroni non è stato in grado di innovare veramente”.

“Il nuovo assetto del territorio di Varese – aggiunge – è molto più razionale rispetto alla prima bozza Rizzi, e rivendico di aver lavorato per riportare un certo ordine. Aver riunificato i distretti sociosanitari di Gallarate e dell’area di Malpensa, così come riportare Tradate su Varese sono state precise richieste degli amministratori locale. Per quanto riguarda Somma Lombardo e Angera, che devono restare unite, si imporrà una riflessione in autunno, visto che appartengono a distretti sociosanitari diversi”.

 

 

 

6 agosto 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs