Cunardo

Cunardo, Nella Notte dei Poeti i versi saranno gettati in un falò

notteTorna La Notte dei poeti sabato 8 agosto 2015, dalle ore 21.30, alle Fornaci Ibis di Cunardo. Dal 1988, su idea dei poeti Dino Azzalin e Silvio Raffo, in località Faido, con vista panoramica sul lago di Varese, il 10 agosto, notte di San Lorenzo, si ripete la “Notte dei poeti”, dove il meglio della produzione poetica del territorio e di altre voci della poesia italiana contemporanea si danno convegno per declamare i propri versi, ispirati e assistiti dalle muse ispiratrici, tra le selve e il canto delle sirene.

In questi incontri davvero unici nel loro genere si possono ascoltare le diverse liriche dalla viva voce dei poeti, per tutta la notte accompagnati via via dalle “nobili sorelle” dell’arte come il teatro, la prosa, la musica, la danza, il canto, seguendo i consigli propiziatori di Apollo,dio della Poesia e capo delle Muse.

Nel corso degli anni l’evento è diventato un appuntamento fisso per i Poeti e per gli amanti della poesia, non soltanto seguendo lo stile sobrio della festa, ma preannunciando, con un semplice rito propiziatorio che consiste nel gettare i versi in un falò e recitare la poesia “X agosto” (San Lorenzo) di Giovanni Pascoli, la creatività per l’anno successivo.

Da questi simposi, dove la riflessione profonda si fa voce e canto, si sono avvicendati negli anni nomi come Andrea Zanzotto, Alda Merini, Dino Azzalin, Silvio Raffo, Franco Buffoni, Aldo Nove, Milo De Angelis, Vivien Lamarque, Cesare Viviani, Fabio Scotto, Sandro Sardella, Angelo Maugeri, Mauro Maconi, Rita Clivio, Mario Santagostini, Nina Nasilli, Massimo Scrignoli, Viviana Faschi, Giovanni Calarco, giusto per citarne alcuni e tanti altri giovani e meno giovani, che via via si sono affacciati all’affascinante mondo della Poesia.

Nel corso del tempo i partecipanti a queste feste si sono moltiplicati a tal punto che l’evento è divenuto itinerante tra i dipinti di Arcumeggia, nella chiesetta di Sant’Antonio, tra le selve di Brenta, fino ad approdare qui, nella splendida cornice delle Fornaci di Cunardo Ibis, per interessamento di Giorgio Robustelli e Antonio Bandirali (Responsabile delle Arti Figurative del Comitato Culturale del JRC di Ispra) che le hanno fatto rivivere di una vita nuova e di un’ alta poesia.

La serata sarà presentata da Dino Azzalin. Seguiranno letture poetiche, interventi musicali dei M.stri Fabio Bruno e Fabio Sioli (accademia Sant’Agostino) e una interessante esposizione dell’Ing. Vanni Belli, presidente del Centro Geofisico Prealpino, che tratterà il tema “Scrutando le stelle”.

Informazioni : a.bandirali@gmail.com – giorgiorobustelli@alice.it – dino.azzalin@gmail.com

2 agosto 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs