Varese

Varese, Civatiani alla riscossa, i comitati di Possibile lanciano i referendum

Presto un partito per Pippo Civati

Presto un partito per Pippo Civati

Anche in provincia di Varese sono nati i comitati di Possibile, il nuovo soggetto politico promosso da Giuseppe Civati, che a ottobre diverrà a tutti gli effetti un partito.

Possibile, collocandosi nell’area della sinistra repubblicana, laica e progressista, si propone con una formula innovativa, come uno spazio aperto alla partecipazione dei cittadini a cui si vuole restituire la sovranità decisionale che è venuta a mancare negli ultimi tempi. Partecipazione, uguaglianza, libertà e alternativa sono le parole d’ordine.

Possibile è organizzata sul territorio in comitati alla pari. Nella nostra provincia ne sono già nati due, uno intitolato ad Alex Langer, lungimirante attivista ambientalista, e uno a Rosa Parks, la statunitense di colore che negli anni 50 del secolo scorso divenne icona dei diritti civili, simbolo di uguaglianza, coraggio e determinazione.

I comitati del Varesotto sono impegnati nella campagna di raccolta firme per 8 quesiti referendari studiati per restituire agli Italiani la possibilità di esprimersi in merito ad alcuni provvedimenti approvati negli ultimi mesi, quali lo Sblocca Italia, il Jobs act, l’Italicum, la buona scuola.

 

24 luglio 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Varese, Civatiani alla riscossa, i comitati di Possibile lanciano i referendum

  1. gimocchiverdi il 24 luglio 2015, ore 22:01

    Chiedero’ a Civati il consenso ad aprire un comitato di salute pubblica intitolato a Maximilien De Robespierre ispiratore delle idee repubblicane che meglio si adattano al momento che l’Italia sta vivendo

Rispondi

 
 
kaiser jobs