Milano

Milano, “Ricominciamo dalla terra”, il Centro Gulliver di Varese ad Expo

agricoltura biologicaLa Federazione Italiana Comunità Terapeutiche con i suoi centri federati: GULLIVER di Varese, CEIS  S.CRISPINO di Viterbo ed il CEIS ICARE di Arezzo sarà presente ad EXPO, Milano 2015. Sabato 18 luglio dalle 16 alle 18, presso l’area eventi di Cascina Triulza in EXPO Milano 2015 si svolgerà un workshop di presentazione del progetto “Ricominciamo dalla Terra”.

“Ricominciamo dalla Terra” è nato per dare opportunità lavorative, e quindi inclusione sociale, a soggetti svantaggiati e psichicamente fragili e affonda le sue radici nella riscoperta della funzione sociale dell’agricoltura. E’ stato possibile trasformare terreni agricoli abbandonati in terreni biologici certificati operando insieme e condividendo metodi e strategie del settore agricolo e dell’imprenditoria, dove sono stati coltivati e poi trasformati prodotti di assoluta qualità, si tratta di: olio, miele, marmellate ottenute da diversi tipi di frutta, nocciole, ceci, fagioli, lenticchie…. oltre ad ortaggi freschi di stagione. Tutti i prodotti vengono commercializzati, in punti vendita di “filiera corta”, con il marchio “A mani nude” che indica la specificità della produzione, del confezionamento e rappresenta una garanzia sulla bontà dei prodotti stessi.

Il messaggio che si vuole trasmettere con la nostra presenza ad EXPO è che la terra è metafora della vita, rappresenta le nostre radici e può essere il nostro futuro: spetta a noi scegliere se lasciarla inselvatichire, cementificare o, invece, coltivarla, attendendo con pazienza l’arrivo dei frutti stagionali che essa ci offre. Il rapporto con la terra è “humus” per le persone che accogliamo nei nostri Centri di solidarietà, riabilitate e reinserite nel tessuto sociale produttivo tramite anche questo rapporto privilegiato con la terra, col lavoro nei campi, con la cura e il rispetto dell’ambiente. Le comunità di recupero oltre ad essere un luogo a favore del benessere mentale, sono in grado di realizzare prodotti per il benessere fisico, divenendo vere e proprie “fattorie sociali”.

Il tema dell’occupazione è oggi più che mai drammatico e un ulteriore fallimento su questo versante rischierebbe di compromettere anni di lavoro rieducativo svolto con i ragazzi delle Comunità.

Il passaggio fondamentale nello sviluppo del progetto è stato, pertanto, l’acquisizione delle competenze attraverso percorsi formativi teorico – pratici strutturati con moduli progressivi, dove i temi prioritari sono stati: rispetto dell’ambiente e di conseguenza l’importanza di trattare i terreni  con i principi della coltivazione biologica sia in relazione alle pratiche agronomico – colturali sia dei metodi di propagazione e sviluppo delle piante, della raccolta, della conservazione e del confezionamento dei prodotti.

 

Programma Workshop

Presentazione della FICT (Federazione Italiana Comunità Terapeutiche)

Pierluigi Ricci – Centro di Solidarietà CSA di Arezzo

Presentazione progetto “Ricominciamo dalla Terra”

Dott.ssa Mariafederica Massobrio – Coordinatrice del progetto

Agricoltura sociale: una visione d’insieme e sue applicazioni nei programmi di recupero terapeutico

Prof. Saverio Senni – Dipartimento Dafne – Università della Tuscia

L’agricoltura sociale come percorso di un nuovo Welfare

Martino Rebonato – Esperto di sistemi di Welfare e valutazione politiche sociali

Dall’agricoltura sociale alla ristorazione a km zero: come nasce il menù bio

Matteo Pisciotta – Chef Ristorante “Luce” – Villa Pansa – Varese

L’incontro sarà allietato dal coro “Voicefull Quintet”, quintetto di voci a cappella, che utilizza le corde vocali al posto degli strumenti musicali

17 luglio 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs