Varese

Gavirate, Al Chiostro prorogata la mostra di Pedretti curata da Sgarbi

Chiostro di Voltorre

Chiostro di Voltorre

Visto il notevole successo di pubblico e di critica, l’Associazione Amici del Chiostro di Voltorre è lieta di comunicare che la mostra personale di Antonio Pedretti, “La naturalità come processo mentale”, verrà prorogata fino a domenica 12 luglio 2015.

L’esposizione, ospitata nelle suggestive sale del Chiostro di Voltorre – edificio risalente al XII secolo, le cui fondamenta poggiano su rovine databili al V e VI sec. d.C. – è stata inaugurata lo scorso 10 maggio alla presenza del Professore Vittorio Sgarbi, autore del testo critico della mostra.

L’iniziativa, promossa e organizzata dall’Associazione Amici del Chiostro di Voltorre, presieduta da Silvana Alberio, con la direzione artistica di Piero Lotti e patrocinata dalla Provincia di Varese e dal Comune di Gavirate, con il sostegno di UBI-Banca Popolare di Bergamo e del Distretto Due Laghi, ha visto la partecipazione di circa duemila visitatori nella sola serata inaugurale.

Il prolungamento di due settimane consentirà al pubblico di continuare ad apprezzare le opere di Pedretti, artista varesino dal profilo internazionale, che ha scelto il Chiostro di Voltorre per esporre i propri lavori, la maggior parte inediti, realizzati appositamente per l’occasione. Si tratta di opere di grande formato che rientrano in un progetto che porterà l’artista, nel prossimo anno, a proporre il suo lavoro a Milano, Parigi, Kyoto, Osaka e New York.

Le opere di Antonio Pedretti sono state ammirate in tutto il mondo ed esposte nei musei più importanti del Sud America e d’Europa. Nel 2011 è invitato alla 54° Biennale Internazionale d’Arte di Venezia, dove espone alle Corderie dell’Arsenale nel Padiglione Italia. Nell’arte di Pedretti c’è tutta la sintesi del paesaggio degli ultimi due secoli di storia dell’arte sud europea, ma in versione personale e contemporanea; egli, attraverso la tecnica informale, riesce a esprimere la figurazione paesaggistica e a trasmettere le emozioni che scaturiscono nel guardare luoghi cari.

La mostra propone una selezione di lavori: alcuni fanno parte del ciclo dei Bianchi lombardi, ove ciascuna opera trasmette sensazioni ed emozioni differenti: dalla forza dirompente della tempesta alla calma nevicata, dalla rigenerazione della natura dopo il disgelo alla somma copertura dell’inverno. Altri testimoniano, da angolazioni particolari, quello che la natura genera ogni giorno da millenni tra i margini del lago. Nella natura Antonio Pedretti vede la quintessenza della vita: per l’artista è un’entità che opera lentamente come l’acqua ferma della palude, ma talvolta interviene con impeto, forza e guizzo e si presenta a noi per ricordarci che siamo tutti suoi figli.

Vittorio Sgarbi conclude così il testo critico pubblicato sul catalogo della mostra: “È troppo, d’altronde, l’appagamento psicologico che ogni volta Pedretti ricava dai suoi riti pittorici, congegnati per essere sistematici, quindi inevitabilmente ripetitivi, ma capaci di conseguire esiti, in termini emotivi e di valore formale, ogni volta diversi, per potersi occupare più di tanto della conversione altrui. Peggio per chi non gli dà retta. Non sa davvero cosa si perde, chi non lo segue nelle sue silenziose perlustrazioni, assorte a gustare l’impalpabile, sfolgorante magia di ciò che ci circonda, retaggio di un senso dell’eternità che ancora sopravvive, nascondendosi gelosamente fra i meandri dell’ordinario contemporaneo, in luoghi che, più che a qualunque apparenza, più che a qualunque geografia effettiva, appartengono allo spirito, il grande spirito della natura. Ma il lago salvifico é sempre lì, a disposizione di noi tutti. Basta volerci andare”.

La mostra sarà visitabile nei seguenti orari: dal martedì al sabato, dalle 15.00 alle 19.00 e il sabato e la domenica, dalle 10.00 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 19.00. L’ingresso è gratuito.

30 giugno 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs