Varese

Varese, Riapre il Museo dei fratelli Castiglioni. Rinnovato e più ricco

I fratelli Castiglioni

I fratelli Castiglioni

La riapertura, del Museo Castiglioni rappresenta il raggiungimento di un obiettivo importante dell’Amministrazione comunale di Varese che risponde alla necessità di estendere e rafforzare l’offerta culturale della città. Grazie al contributo di Regione Lombardia, del Comune di Varese e dell’associazione Conoscere Varese, che da alcuni mesi ha avuto in gestione il museo, l’esposizione è stata profondamente rinnovata e ampliata.

E’ stato realizzato un nuovo ingresso e il bookshop. E’ stata allestita una nuova “sala dei graffiti”, molto più ampia e meglio illuminata, per valorizzare queste opere d’arte realizzate da uomini vissuti oltre 10.000 anni fa. Anche la “sala egizia” è completamente ripensata e arricchita con ricostruzioni utili a meglio comprendere l’unicità e la funzione dei reperti esposti.

E’ stata allestita anche una funzionale sala audiovisivi corredata di numerosi documentari realizzati con filmati originali, unici per qualità dei contenuti. Tali documenti, che trattano gli argomenti contenuti nel museo, permetteranno di rendere la visita più completa, emozionante e ricca culturalmente. La sala servirà anche per organizzare proiezioni, convegni e incontri utili a mantenere “viva” l’esposizione.

La “sala Tuareg” è stata completamente rimodernata in particolare sostituendo il vecchio e rumoroso proiettore a specchi con una più efficiente e dinamica “testa mobile” a led. Anche gli effetti sonori e la voce narrante sono stati rivisti e migliorati per facilitare la comprensione della spiegazione.

Un importante ed accurato lavoro è stato fatto per rinnovare l’apparato didascalico e iconografico del museo e aggiornarlo alla luce di recenti, nuovi studi. E’ stata inoltre introdotta la traduzione in inglese di testi e didascalie per facilitare la visita ai turisti stranieri.

Altra importate novità è la realizzazione di un sito internet. Oltre ad evidenziarne i contenuti, il sito offrirà approfondite informazioni sui più importanti studi effettuati dai fratelli Castiglioni le cui ricerche e scoperte sono testimoniate dei preziosi ed unici reperti esposti nel museo.

Il periodico e continuo aggiornamento del sito, con contributi, testimonianze, immagini e video originali, permetterà al visitatore di arricchire ulteriormente la già emozionante esperienza della visita.

Il sito è stato concepito con i più recenti criteri ed è quindi adattivo, integrato coi principali social network e predisposto per divenire, nel prossimo futuro, la piattaforma per le visite guidate.

Il museo è, inoltre, inserito nel progetto di messa in rete del sistema culturale cittadino “VareseMusei”, potrà così godere di una maggiore visibilità e di tutti i benefici legati alla valorizzazione, conoscenza e di messa in rete previsti.

Si ringrazia sentitamente tutti coloro che si sono prodigati, con vera passione, nella realizzazione di questo allestimento. Gli architetti Nelly Cattaneo e Sara Conte, che si sono occupati della progettazione e della parte grafica dell’allestimento. La Prof.ssa Serena Massa che ha fornito la consulenza scientifica sull’ideazione del percorso e della parte archeologica del museo. La Prof.ssa Giovanna Salvioni per la consulenza scientifica riguardante la parte etnologica e etnografica. Stefano Sartori che si è rivelato un valido aiuto nell’organizzare i lavori, nella ricerca dei fornitori e nella gestione delle problematiche sorte nel corso dei lavori. Diego Cortesi che si è occupato della dotazione tecnologica dell’esposizione migliorandola e modernizzandola. Alessandro Gusmini per la programmazione degli effetti scenici dell’attendamento Tuareg. Raffi Mekiker che ha realizzato il sito internet del museo fornendo, così, un nuovo, importante strumento di comunicazione. Jessica Silvani per il coordinamento delle azioni di rete dei Musei di Varese.

Il museo è nato dalla donazione di migliaia di reperti effettuata al Comune di Varese dai fratelli Alfredo e Angelo Castiglioni. Per sessanta anni i gemelli Castiglioni hanno condotto missioni di ricerca e documentazione etnologica e archeologica soprattutto in Africa. In questo lungo periodo hanno avvicinato numerosi gruppi etnici, tecnologicamente arretrati. A titolo d’esempio ricordiamo, le popolazioni paleonegritiche del Nord Cameroun (Matakam, Mofou, Kapsiki ecc, e i Sombas dei monti Atakora del Togo), presso i quali soggiornarono a lungo nel lontano 1959, le popolazioni nilotiche dell’alto Nilo Bianco (Mundari, Dinka, Nuer, ecc), e le popolazioni di foresta (i pigmei del Gabon, gli Ewe’ e i Fon stanziati nell’area equatoriale del Golfo di Guinea).

Durante le spedizioni, nei deserti, nelle savane, nelle foreste e sui monti africani, non solo hanno raccolto e catalogato oggetti della vita materiale e religiosa dei vari gruppi etnici, ma hanno anche realizzato precise documentazioni foto-cinenematografiche . Documenti ormai irrepetibili che fanno parte del patrimonio museale e che permettono ai visitatori di “immergersi” in uno mondo lontano e ormai scomparso.

Le loro ricerche sono state stimolate e guidate dalle parole di un famoso poeta e uomo di cultura africano, già Presidente del Senegal: Leopold Sedar Sehghor il quale ha lasciato questa mirabile esortazione: “uomini bianchi andante negli sperduti villaggi della mia terra e documentate le parole dei cantastorie, dei vecchi, di tutti i depositari di un antico sapere umano, perché quando essi moriranno sarà come se, per voi uomini bianchi, bruciassero tutte le biblioteche”. Parole di notevole forza emotiva che i Castiglioni hanno fatto loro e che li hanno guidati sempre nelle loro missioni di studio.

 

19 giugno 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA

4 commenti a “Varese, Riapre il Museo dei fratelli Castiglioni. Rinnovato e più ricco

  1. Saretta il 19 giugno 2015, ore 16:03

    è possibile sapere l’indirizzo di questo museo?

  2. a.g. il 19 giugno 2015, ore 21:15

    Il Museo (domani c’è l’open day) si trova alla Dépendance Villa Toepliz in via G.B. Vico, 46

  3. Nicoletta Micciche' il 19 giugno 2015, ore 23:44

    Finalmente è da molto tempo che aspetto questo evento, ora ci siamo.

  4. mouse click the next page il 23 giugno 2015, ore 08:56

    mouse click the next page

    Varese, Riapre il Museo dei fratelli Castiglioni. Rinnovato e più ricco – Varese Report

Rispondi

 
 
kaiser jobs