Varese

Varese batte la Lombardia, con un export che vale più 3%

piazzamontegrappaBuon avvio di 2015 per il Sistema Varese sul versante dell’export: i dati Istat elaborati dalla Camera di Commercio indicano per il primo trimestre una crescita del 2,9% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, sfiorando quota 3 miliardi di vendite all’estero. Incremento percentuale che è ben superiore a quello fatto registrare dalla Lombardia nel suo insieme (+0,6%) e che s’avvicina alla performance nazionale (+3,2%) . Contemporaneamente, per Varese, s’incrementa il dato dell’ import (+1,2%) e migliora il saldo della bilancia commerciale (+6%), in attivo con 862 milioni a fine marzo 2015 (erano 813 a marzo 2014). Tutti elementi che confermano il ruolo di Varese come provincia fortemente esportatrice (la nona in Italia per importanza) con 10 miliardi di euro di export all’anno.

Quanto ai singoli settori, l’incremento più accentuato s’è registrato negli apparecchi elettronici (+14,5%) e nei mezzi di trasporto (+12,6%); a seguire, i prodotti alimentari (+11,7%) e i macchinari (+6,1%). In controtendenza, la chimica (-2,8%), il tessile-abbigliamento (-2,1%) e i prodotti in metallo (-1,6%).

Per quel che riguarda poi i singoli paesi, tra i più importanti partner commerciali tradizionali si segnala la ripresa dell’export verso gli Stati Uniti (+6%), la Francia (+5,3%), il Regno Unito (+4,3%) e la Germania (+1,8%). In difficoltà, collegate anche alle sanzioni internazionali, le relazioni con la Russia (-43,4%) mentre si riavviano i rapporti con la Turchia (+30,2%) e sono in forte aumento quelli con i paesi del Golfo, con in testa gli Emirati Arabi Uniti (+249,2%) e l’Arabia Saudita (+17,7%).

Tutti i dati import-export sono disponibili su OsserVa, portale statistico della Camera di Commercio varesina.

16 giugno 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs