Varese

Varese, Giovanni Serodine a Rancate. Lo raccontano Agosti e Stoppa

Agosti

Giovanni Agosti

Martedì 16 giugno, alle 18.30, presso il Castello di Masnago, Giovanni Agosti e Jacopo Stoppa raccontano la mostra attualmente aperta alla Pinacoteca Zuest di Rancate, Mendrisio.

Questa volta i due docenti dell’Università Statale di Milano e curatori di numerose rassegne che hanno fatto luce sulle vicende dell’arte figurativa in Lombardia tra XV e XVII secolo, come la memorabile mostra dedicata a Bernardino Luini che si è tenuta al Palazzo Reale di Milano, raccontano Giovanni Serodine.

“Chi era costui?”, qualcuno potrebbe dire. Ecco il primo dei motivi della mostra – e della conferenza – scoprire che un ticinese vissuto durante la prima metà del Seicento tra la terra natia e Roma fu in grado di dipingere capolavori caravaggeschi e barocchi, olii su tela che lasciano senza fiato per la capacità di leggere in profondità il carattere delle figure, cogliere lo spirito del tempo, dosare le luci in modo incredibile.

Agosti e Stoppa sapranno raccontare queste vicende come di consueto, con argomentazioni puntuali e al tempo stesso affascinanti per l’ascoltatore, ricollegando come in una trama storia dell’arte e contemporaneità, e magari illustrando qualche particolare dell’allestimento di Rancate, curato da Stefano Boeri, archistar che per la prima volta si cimenta con l’arte antica.

Ingresso libero

15 giugno 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs