Varese

Varese, Terra Insubre e Grande Guerra, si parte con Renato Pozzetto

Da sinistra Mascetti, Gobbi, Fontana e Peruzzi

Da sinistra Mascetti, Gobbi, Fontana e Peruzzi

Si apre martedì 2 giugno alle ore 17.30 con l’inaugurazione della mostra fotografica “La Grande Guerra nei cieli della Libia” il festival “Insubria, terra d’Europa” che quest’anno sarà dedicato alla Prima Guerra Mondiale.

La manifestazione è stata presentata questa mattina a Palazzo Estense, con Andrea Mascetti, il Sindaco di Varese Attilio Fontana, il Presidente del Consiglio di Stato del Canton Ticino Norman Gobbi e Marco Peruzzi, presidente di Terra Insubre.

Una settimana ricca di appuntamenti, quella proposta da Terra Insubre nella sua ormai consueta kermesse insubrica. Oltre alla mostra, ospitata nei locali dell’Associazione Culturale Circolo Ra Ca’ dur Barlich alla Penasca di San Fermo (Varese), il Festival offrirà una notevole attività convegnistica che si svolgerà dal 3 al 7 giugno presso la Sala Convegni di Villa Recalcati in Piazza Libertà a Varese.

Mercoledì 3 giugno il primo appuntamento con ospite d’onore l’attore varesotto Renato Pozzetto che nel film “Porca vacca”, del regista Pasquale Festa Campanile, che sarà proiettato durante la serata, si troverà alle prese con i tragicamente noti disastri organizzativi del Comando Italiano, evocazione di quanto, ben più tragicamente, si svolse realmente nelle trincee della Guerra del 15’-18’.

Le successive giornate del 4 e 5 giugno saranno dedicate agli eventi che hanno segnato gli anni della guerra, facendo conoscere al pubblico vicende tutte insubriche: dalle linee di difesa tra Italia e Svizzera, all’introduzione degli aerei come strumento di guerra, ripercorrendo l’epopea della Caproni e dell’industria aeronautica militare della provincia di Varese.

Sabato 6 giugno importanti approfondimenti sulle cause che scatenarono la Grande Guerra e il ruolo che svolse l’Italia e i suoi comandi militari e politici in quello che può dirsi il primo grande conflitto fratricida tra Europei, con gli interventi di Gilberto Oneto, Adolfo Morganti, Mario Bernardi Guardi, Paolo Petiziol e altri.

La chiusura, domenica 7 giugno con Quirino Principe che nella mattina rifletterà sulla figura di Ernst Jünger, filosofo e scrittore tedesco, partito volontario per il fronte, e che sul fronte e poi al rientro in patria evocò lo spirito del Combattente prima e dell’Operaio poi, per terminare al pomeriggio con la tavola rotonda a cui prenderanno parte il deputato varesino Giancarlo Giorgetti, il parlamentare europeo Lorenzo Fontana, il professor Giuseppe Reguzzoni ed il giornalista del Corriere Marco Cremonesi, per discutere sul futuro dell’Europa e sulla ricorrente centralità tedesca.

Il programma del Festival lo potete trovare sul sito insubriaterradeuropa.net

Per info: segreteria@terrainsubre.org

1 giugno 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs