Varese

Varese, Nasce Aime agroalimentare e punta alle opportunità di Expo

Da sinistra Lucchina, Terzi, Colombo e Fantinato

Da sinistra Lucchina, Terzi, Colombo e Fantinato

Aime punta sull’agroalimentare. Punta a valorizzarlo, rilanciarlo, guardando alle potenzialità del nostro territorio. E lo fa coinvolgendo Marco Colombo, che all’interno dell’associazione è diventato presidente della categoria agroalimentare con delega all’Expo. Un ruolo che porterà l’imprenditore ad impegnarsi a fondo sul fronte della vetrina dell’Esposizione Universale di Milano. Di tutto questo si è parlato alla sede varesina di Aime, alla presenza del presidente Giuliano Terzi e del segretario generale Gianni Lucchina. Presente anche il segretario Giancarlo Pignone.

Come spiega Dario Fantinato, presidente del Comitato tecnico e scientifico di Aime, “Colombo mi ha seguito in questa esperienza e ricoprirà un ruolo difficile”. Continua Fantinato: “Expo è certamente una vetrina e un trampolino di lancio immensi, che offrono opportunità enormi. Mi sono recato ad Expo e mi sono reso conto che, tra i Paesi partecipanti, c’è voglia di investire in Italia. Occorre però offrire certezze, come possiamo fare lavorando tutti insieme”. “Abbiamo cinque mesi – conclude Fantinato – per recuperare e per mettere le basi per nuove opportunità per le imprese. Marco deve fare un piccolo miracolo”.

Marco Colombo sottolinea l’assoluta necessità di fare gioco di squadra: “Expo non è stato sfruttato bene da Varese, ma basta una settimana di lavoro ben fatto per realizzare vantaggi e risultati positivi”. Chiari gli obiettivi di Colombo: “Guardiamo ad Expo con l’occhio che va al di là di esso. Puntiamo sull’internazionalizzazione, parliamo il linguaggio del business, vogliamo creare opportunità economiche per gli imprenditori”. Colombo esemplifica il suo ragionamento parlando della “Associazione Pizzaioli Varesini”, una realtà che “crea posti di lavoro e guarda oltre confine, valorizzando la pizza in quanto sinonimo di eccellenza italiana”.

Obiettivi ambiziosi, finalità di alto profilo. Ci si può arrivare con “un percorso dinamico, in cui rapportarsi con tutti, a partire dalla Camera di commercio, ma anche in sinergia con altre associazioni”. Perchè, come conclude Lucchina, “sempre a favore e mai contro nessuno”.

1 giugno 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs