Varese

Varese, La grande Callas ritratta da Signorini chiude “Panorama d’Italia”

Si ascolta "Casta Diva" interpretata dalla Callas

Si ascolta “Casta Diva” interpretata dalla Callas

Serata dedicata ad una grandissima dell’arte e della cultura italiane, Maria Callas. Con immagini, ricordi, indimenticabili melodie, Alfonso Signorini, direttore di “Chi” e autore della biografia “Troppo fiera, troppo fragile” ha raccontato presso la sede di Varesevive il grande soprano dall’esistenza travagliata.

Il tour “Panorama d’Italia” ha scelto così, per l’ultimo talk-show a Varese, una storia dalle forti tinte rosa e legate ai sentimenti. Insieme all’ironico Signorini sono intervenuti il tenore Vittorio Grigolo e il direttore di Panorama Giorgio Mulè.

Un libro sulla Callas, quello di Signorini, che presto diventerà un biopic a stelle e strisce. Lo annuncia Mulè e il biografo lo conferma, con un pizzico di legittimo orgoglio e un bel po’ di emozione. Ma Signorini vuole raccontare la Callas, i suoi amori, le sue delusioni, la sua trasformazione da ragazza di un oscuro villaggio greco a star internazionale. “Una grande cinica, non era una santa”, dice il direttore di “Chi”. “Il rischio è di farne un santino: ma la Callas era una donna complicata”.

Tanti gli aneddoti, molte le curiosità. A partire da quella divertente della Callas che si infila lunghi guanti neri per assistere ad una “prima” della Scala e non fare udire alcun applauso per l’eterna rivale Renata Tebaldi.  Oppure i difficili rapporti con il mondo fatale del marito Aristotele Onassis. Ma anche la dolorosa vicenda del figlio morto a tre mesi, Omerino, nato prematuro, che il soprano andava a ricordare sulla tomba ogni primo lunedì del mese.

Ma i momenti più suggestivi sono stati certamente gli ascolti della voce della stessa Callas: una voce duttile e melodiosa, capace di affrontare i grandi classici dell’opera italiana. Prima “Casta Diva” e poi “Vissi d’arte” con immagini in bianco e nero che evocano la grande figura del soprano. Tanto fragile, tanto fiera.

 

 

 

 

 

30 maggio 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs