Varese

Varese, Francesco De Gregori spiazza il pubblico con un finale a sorpresa

De Gregori al Teatro Apollonio

De Gregori al Teatro Apollonio

Con il tutto esaurito noto da tempo, si è svolta al Teatro Apollonio l’attesa tappa del tour “Vivavoce” di Francesco De Gregori. Un pubblico varesino di fans che hanno atteso l’inizio del concerto, slittato poco dopo le 21 annunciate, e che poi si è progressivamente scaldato, giungendo, nella parte finale, a vere e proprie ovazioni per il cantautore e la sua eccellente band. Un bel concerto organizzato dall’associazione “Un’Altra Storia” che ha in Giuseppe Musolino il suo referente varesino.

Come prevedibile, non sono mancati gli evergreen del cantautore, che fino agli ultimi motivi ha eseguito i suoi pezzi senza dialogare con il pubblico. Belle esecuzioni, ma un po’ freddine, fino a “Buonanotte fiorellino”, quando De Gregori ha chiesto al pubblico di accompagnarlo “cantando bene, però”: “Un minimo di intonazione, conoscere le parole, ricordare il cambio di tono a metà canzone”, ha sorriso De Gregori.

Tante le canzoni entrate ormai nell’immaginario collettivo: da una “Donna cannone” da brivido, quasi in versione acustica (solo con il piccolo rinforzo di una chitarra elettrica alle sue spalle) fino ad “Alice”, “Generale”, “Viva l’Italia”, “Rimmel”. Per rendere ancora più suggestivi i suoi successi di sempre, il cantautore si è affidato alle melodie del violino e all’intervento del mandolino.

Ma dopo avere eseguito la scaletta e dopo qualche inevitabile bis, il colpo di teatro è accaduto proprio negli ultimi minuti del concerto, un “uno-due” che ha portato tutto il pubblico quasi in uscita a bloccarsi per l’emozione: prima De Gregori ha intonato una bellissima versione di “A chi” di Fausto Leali, musicalità anni Sessanta ripescate dal fondo della memoria, e poi una marcetta divertentissima per rieseguire “Buona notte fiorellino”, certamente uno dei pezzo forte nell’atteso concerto di settembre a Verona per i 40 anni del disco “Rimmel”.

26 maggio 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs