Varese

Varese, Sì al bilancio partecipato nello Statuto. Passa la proposta Pd e Sel

imagesCANS1XYCNuova seduta, ieri sera, della Commissione affari generali per portare a termine il processo di revisione dello Statuto comunale in corso, ormai, da circa due anni. Un’operazione delicata, dato che va a modificare la carta delle regole che, in piccolo, per la nostra città è, l’omologa di ciò che, a livello nazionale, è la Costituzione. Nelle ultime settimane, su proposta del PD, si è affrontata la partita degli strumenti di democrazia diretta. E, la settimana scorsa, il PD era riuscito ad incassare un importante successo, riducendo le firme necessarie per indire il referendum consultivo, che sono passate da 9000 a 3000. Ieri, il PD ha fatto anche introdurre, nello Statuto, lo strumento del bilancio partecipato, già  sperimentato, con buoni risultati,  in altri Comuni della nostra Provincia.

E’ stata approvata, infatti, la proposta formulata dal capogruppo del PD Fabrizio Mirabelli e dal capogruppo di SEL Rocco Cordì che, così, recita: “Il Comune riconosce il bilancio partecipativo quale strumento la cui finalità è quella di favorire il coinvolgimento dei cittadini, in forma singola e associata, alla vita politica e amministrativa. E’ facoltà di ogni Amministrazione avvalersene o meno tramite le procedure definite con apposito Regolamento approvato dal Consiglio comunale”.

“Credo molto – commenta Fabrizio Mirabelli - in questo strumento che mettiamo a disposizione di tutti i cittadini per renderli partecipi e coinvolgerli nelle scelte politiche e amministrative. E’ un traguardo di civiltà che anche la città di Varese, finalmente, raggiunge, riconoscendo il bilancio partecipato quale momento fondamentale di partecipazione democratica e coinvolgimento diretto dei cittadini alla vita politica e amministrativa. Mi spiace solo che, a causa dell’opposizione della Lega Nord, non sia stato possibile inserire nello Statuto la nostra proposta iniziale la quale era più coraggiosa. Ora, mi impegnerò affinché la Commissione possa elaborare, in tempi rapidi, l’apposito regolamento da sottoporre, poi, al Consiglio comunale. Tale regolamento dovrà disciplinare quale somma del bilancio dell’Ente pubblico i cittadini e i gruppi potranno gestire direttamente ogni anno, quali percorsi dovranno seguire per interagire e dialogare con l’Amministrazione,  quali materie ( ad es. lavori pubblici, mobilità e viabilità, spazi e aree verdi; attività socio-culturali e sportive; politiche sociali, educative e giovanili; sviluppo economico e turistico) potranno considerare come sottoponibili alle proprie proposte ”.

Ieri sera, al termine della seduta, è stata, poi, approvata, all’unanimità la bozza finale di revisione dell’intero Statuto. Ora la palla passa alla Giunta. Qualora, non apportasse alcuna modifica alle scelte condivise da tutti i gruppi consiliari, la bozza di Statuto, così come approvata dalla Commissione, arriverebbe in Consiglio comunale già a giugno per l’approvazione definitiva.

19 maggio 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Varese, Sì al bilancio partecipato nello Statuto. Passa la proposta Pd e Sel

  1. Bruno Belli il 20 maggio 2015, ore 11:31

    Ottima notizia. Ecco un concreto passo di “rivoluzione culturale” che Mirabelli, uno dei pochi, ha realmente inteso nelle sue più variegate pieghe culturali e civili.

Rispondi

 
 
kaiser jobs