Milano

Milano, I finalisti dell’Expoetryslam finiscono in Paradiso. Quello di Pistoletto

Pistoletto disegna il paradiso

Pistoletto disegna il paradiso

Poeti e rapper si sfideranno all’ultimo verso nel poetry slam COLTIVARE LA CITTÀ per conquistare il titolo LOMBARDIA LIPS 2015 ed i tre accessi alla finale nazionale. Sabato 6 giugno al cospetto di un eMCee d’eccezione, Dome Bulfaro, presidente LIPS e navigato performer, si riuniscono i migliori performer, acclamati dal pubblico delle semifinali regionali di Mezzago, Cantù e Varese.

Una sfida all’ultimo verso entra per la prima volta nella pancia creatrice del “Terzo Paradiso – Coltivare la Città” di Michelangelo Pistoletto, che si apre tra la risaia in terrazza e gli orti a Milano grazie a Cittadellarte, Fondazione Pistoletto in collaborazione con N.o.v.a. Civitas e Superstudio Group.

Affronteranno la tenzone decisiva LIPS, Lega Italiana Poetry Slam: Alessio Luise, Alfonso Maria Petrosino, Antonella Visconti, Clara Vaijtho, Davide Scarty DOC Passoni, Diego Occhiuto, Elisa Orlando, Francesco Dejana, Giacomo Ranco, Gianmarco Tricarico, Mario Andrea Frighi, Rolando Piacentini, Sergio Garau e Simone Savogin.

abrigliasciolta ha scelto di organizzare la finale LIPS in un luogo di vera arte in azione come il “Terzo Paradiso – Coltivare la Città” di Michelangelo Pistoletto, proprio perché riconduce all’incentivazione di meccanismi partecipativi nella realizzazione di un futuro sostenibile, a partire dall’arte: gli slammer performeranno proprio all’interno dell’opera, il miglior grembo per una TAZ (Temporary Autonome Zone), a cui pubblico e poeti partecipano insieme in un gioco il cui vero “punto è solo la poesia, non l’orgoglio del poeta”.

La sfida in versi, denominata poetry slam, è nata nel 1987 grazie a Marc Kelly Smith, il poeta americano che l’ha sperimentata per la prima volta al Green Hill di Chicago: i performer leggono su un palco i propri componimenti originali per essere valutati direttamente dal pubblico sotto la direzione di un eMCee (Master of Cerimony).

COLTIVARE LA CITTÀ vuole rinnovare il senso di responsabilità che ci si assume quando si crea la Temporary Autonome Zone, in cui il pubblico e slammer sono coinvolti attivamente in una forma performativa ad altissima partecipazione.

Saranno solo cento i privilegiati spettatori che potranno misurare direttamente i versi, la poetica e la performance dei finalisti di un lungo anno di selezioni lombarde al roof Superstudiopiù “Terzo Paradiso – Coltivare la città”: l’ingresso è libero sino esaurimento posti per la sfida a due manche che incentiva i meccanismi di partecipazione.

6 giugno 2015 dalle ore 18 sino al tramonto

ingresso gratuito fino ad esaurimento posti)

TERZO PARADISO – COLTIVARE LA CITTÀ

roof Superstudio Più – via Tortona 27, Milano

19 maggio 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs