Gallarate

Gallarate, Dario Fo e Florina Cazacu presentano il libro “Un uomo bruciato vivo”

Il Premio Nobel Dario Fo a Gallarate

Il Premio Nobel Dario Fo a Gallarate

Sono passati 15 anni dalla tragedia che ha visto ION CAZACU bruciato vivo dal suo datore di lavoro solo perché reclamava il diritto a non essere più un’ombra clandestina al lavoro. La tragedia di Gallarate in questi anni si è purtroppo reiterata in Italia più e più volte. Il libro di DARIO FO  e della figlia di Ion FLORINA CAZACU “Un uomo bruciato vivo”, ripercorre la vicenda giudiziaria che ha accompagnato il dramma e che ha portato il giudizio a derubricare una serie di fatti accusatori riducendo sensibilmente la pena all’omicida.

Il sindacato dichiarò in quella sede che si rischiava di dare un messaggio pericoloso di impunità e purtroppo i fatti che si sono succeduti lo confermano. Ma ION non è morto invano: per la prima volta in Italia si applicò ai suoi compagni una legge sino allora applicata solo per altre fattispecie che garantiva il permesso di soggiorno regolare a chi denunciava lo sfruttamento schiavista delle braccia.

Furono centinaia le persone inquisite e nella ricca provincia di Varese in un solo anno furono concessi 79 permessi ad altrettanti lavoratori clandestini che denunciarono la loro riduzione in schiavitù. L’indifferenza del profondo nord tenta con l’oblio di allontanare questi che non sono fantasmi ma persone in carne ed ossa che sono solo alla ricerca di una vita dignitosa basata sul lavoro e su una vita regolare.

Ci siamo chiesti in questi anni se Ion avesse incontrato il sindacato prima di quel tragico evento se le cose sarebbero andate così: e la risposta è NO perché a quel punto non sarebbe più stato solo ed inerme contro lo sfruttatore che ha portato sino alle estreme conseguenze la sua volontà di dominio sul proprio dipendente. In questa fase di crisi, in cui ciascuno è più solo e debole sia al lavoro che nella società, dobbiamo riscoprire la necessità di una tutela collettiva che sappia rompere quest’isolamento ed impedire la deriva barbarica in cui ci stiamo infilando.

Per questo motivo la FILLEA CGIL di Varese, il sindacato delle costruzioni, vuole contribuire al ricordo di quei fatti proprio perché non si ripetano più.
MERCOLEDI’ 13 MAGGIO 2015  alle 17,30 presso il TEATRO DEL POPOLO di Gallarate in via Palestro  DARIO FO e FLORINA CAZACU  presentano il libro “UN UOMO BRUCIATO VIVO”.

11 maggio 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs