Varese

Varese, Giovani renziani crescono al Lavit. Tavolo-scuola il più gettonato

La kermesse dei Giovani Democratici

La kermesse dei Giovani Democratici

Alla fine sono arrivati in una settantina. Giovani Democratici, le giovani speranze del partito di Renzi, si sono dati appuntamento nel pomeriggio presso lo Spazio Lavit a Varese. Una settantina proveniente da tutta la provincia di Varese, ma qualcuno anche da fuori, Milano, Lecco, Monza e Brianza. Ad attirare tanti giovani – con età media sui 22-24 anni – la possibilità di confrontarsi tra loro e con democratici più attempati.

Presenti alla kermesse il segretario regionale Alessandro Alfieri e il segretario provinciale Samuele Astuti.

Sette i tavoli tematici che, attorno alle 17, erano già in piena discussione, una decina di giovani attorno ad ogni tavolo: tra i sette tavoli, il meno gettonato quello dedicato ai diritti di Lesbiche, Gay, Bisessuali e Transgender, il più frequentato quello sulla buona scuola, uno dei temi più contestati nelle ultime settimane, con un premier che è riuscito a sollevare l’opposizione di tutto il mondo della scuola, che ha espresso la sua contrarietà in uno sciopero generale. Evidentemente anche tra i Giovani Democratici si tratta di un tema bollente. Altri temi l’Europa, la Legalità, l’Ambiente, il Jobs Act, la comunicazione.

“Ci siamo dati appuntamento attraverso un sito web e i social network: la risposta che abbiamo avuto prova che il sistema funziona”, dice Andrea Calò, segretario Giovani Democratici della Provincia di Varese. “Abbiamo sentito il bisogno di trovare un’occasione e un luogo per approfondire alcuni temi, al di là delle necessità contingenti. Comunque questo percorso che parte oggi con questo format si sviluppa anche in vista delle elezioni amministrative del prossimo anno”. Una prima esperienza a cui, come conferma Calò, potranno seguire altre.

FOTO

10 maggio 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs