Milano

Milano, In centro pomeriggio di guerriglia, black bloc scatenati

black blocMilano è stata nel pomeriggio teatro di scontri violenti da parte dei black bloc. Era partito nel primo pomeriggio dalla Darsena il corteo dei No Expo. La gran parte dei manifestanti ha partecipato ad un corteo pacifico, che hanno camminato con slogan e striscioni.

Dalla coda del corteo si è staccato un blocco di violenti che hanno dato vita a scene di guerriglia urbana in centro città. Un nucleo di un migliaio di persone che hanno creato incidenti all’incrocio tra via Carducci e corso Magenta.

Qui i black bloc hanno scatenato l’inferno. Prese d’assalto vetrine e auto parcheggiate. Le forze dell’ordine, in tenuta antisommossa, hanno deciso, all inizio, di usare gli idranti. Il blocco degli incappucciati ha continuato le devastazioni lanciando bombe carta tra via Carducci e piazza Cadorna. Di fronte alla stazione ferroviaria e poi in piazza Conciliazione si sono verificati ancora scontri. Molotov, auto bruciate. I militari hanno caricato i manifestanti.

Un pomeriggio di violenza che ha suscitato le reazioni della politica, con dure critiche nei confronti del ministro degli Interni, Angelino Alfano. Dal presidente della Regione Roberto Maroni un commento lapidario: “la guerriglia urbana scatenata da imbecilli violenti che devono finire in galera”. Il sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, lancia un’appello forte: “Isolare, individuare, punire senza se e senza ma i delinquenti che stanno devastando Milano”.

1 maggio 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti a “Milano, In centro pomeriggio di guerriglia, black bloc scatenati

  1. gimocchiverdi il 1 maggio 2015, ore 19:27

    Bisognerebbe si mettere in galera questi facinorosi, ma bisognerebbe fare altrettanto con i politici ladri, incapaci, farabutti che affamano il Popolo

  2. ombretta diaferia il 2 maggio 2015, ore 06:18

    bastan pochi imbecilli per inficiare un corteo.
    e dopo tanti decenni ancora mi chiedo come possano passare inosservati…

Rispondi

 
 
kaiser jobs