Legnano

Legnano, Istituto Carlo Dell’Acqua, l’associazione ex allievi promuove cultura

Carlo Massironi

Carlo Massironi

Sta per compiere il primo secolo di vita una vera istituzione educativa e formativa dell’Altomilanese: parliamo dell’istituto Carlo Dell’Acqua di Legnano. Nacque infatti nel 1917, punto di riferimento di intere generazioni di giovani che cercavano nell’istituto tecnico un’occasione per imparare un mestiere per il futuro. “Grande imprenditore, Dell’Acqua, che è stato anche in Parlamento per quattro legislature, si è sempre segnalato per la sua grande attività di mecenate e filantropo”.

A parlare dell’uomo che ha dato il suo nome all’istituto è Carlo Massironi, Segretario Generale della Fondazione Comunitaria del Varesotto Onlus, ma che è stato anche un ex allievo del Dell’Acqua. Oggi Massironi è presidente dell’Associazione Ex Allievi I.T.C.G. Carlo Dell’Acqua, una realtà dinamica nata nel 1992, che organizza ogni anno manifestazioni ed iniziative culturali.

Massironi ricorda la lunga storia dell’istituto legnanese, fondamentale realtà nell’ambito di un territorio fortemente industriale. “All’istituto arrivavano giovani da tutto l’Altomilanese, in bici, con ogni mezzo – continua Massironi -. D’estate e d’inverno. Tutti con una gran voglia di impadronirsi dei ferri del mestiere per lavorare nelle aziende del territorio”. Un’epoca che sembra lontanissima, con grandi aziende in crisi e problemi occupazionali anche nella ricca Lombardia. “Il Dell’Acqua era una realtà formativa a metà strada tra gli istituti di Milano e il Daverio di Varese. Un ragazzo si diplomò al Dell’Acqua arrivando ogni giorno da Bognanco, centro della provincia del Verbano Cusio Ossola”.

Una lunga storia, quella del Dell’Acqua, che ha conosciuto, tra i suoi ex allievi, grandi personalità. Tra queste Massironi cita due grandi padri della patria, entrambi ex allievi: Giovanni Marcora, partigiano e più volte ministro, e Aldo Aniasi, anche lui partigiano e sindaco di Milano.

L’associazione presieduta da 23 anni da Massironi, legata alla Famiglia Legnanese e che ha raggiunto anche picchi di 200 iscritti, è mantenuta in attività da una quarantina di soci, soprattuuto ex presidi ed ex docenti, presidi e docenti ancora in servizio, ex studenti. “Ogni anno – racconta Massironi – organizziamo meeting culturali, visite in città e in territori diversi, concerti prestigiosi con artisti della Scala e della Rai, borse di studio che noi stessi finanziamo senza ricorrere a sponsor”. Insomma una realtà che tiene viva la memoria del grande istituto scolastico legnanese guardando in avanti e già iniziando a lavorare per il vicino centenario.

 

28 aprile 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs