Varese

Varese, Padellaro parla del “Fatto Quotidiano”, piccolo miracolo del giornalismo

Antonio Padellaro con Mauro della Porta Raffo

Antonio Padellaro con Mauro della Porta Raffo

Si è parlato di un piccolo “miracolo” del giornalismo italiano nel pomeriggio al Caffè Zamberletti di Varese. Al centro dell’attenzione il giornale “Il Fatto Quotidiano”, quel giornale, come ha rimarcato Mauro della Porta Raffo, “di cui tanti parlano male, pur non avendolo mai letto”. Protagonista dell’incontro Antonio Padellaro, ex direttore de L’Unità e negli ultimi 5 anni direttore del “Fatto Quotidiano”, ora passato alla direzione di Marco Travaglio.

Un piccolo “miracolo” perchè, in un momento di crisi dell’informazione cartacea, il quotidiano ha conosciuto un boom di lettori. E poi perchè si tratta di un giornale che non riceve finanziamenti pubblici e non li vuole ricevere.

“Abbiamo i conti in ordine. Non solo: abbiamo distribuito dividendi. E questa è l’unica condizione per essere davvero liberi”, spiega Padellaro.  Che, con una simpatica battuta, dice di avere raggiunto Varese come Totò e Peppino, che giungevano a Milano con il colbacco pur essendo caldo.

“Essere stato direttore del Fatto è come essere stato in una centrifuga per 5 anni”. Padellaro racconta che “Il Fatto” non è di sinistra, come spesso si definisce, ma “un giornale nato contro”, “in pieno berlusconismo”. “Il 2010 – ha continuato l’ex direttore – è stato un anno straordinario, con Berlusconi al governo che è stato il vento nelle nostre vele”. Usciti dal berlusconismo, il momento è più difficile: “Prima la realtà era bianca o nera, oggi ci sono 50 sfumature di grigio, con Renzi figlio adottivo di Berlusconi”.

Una fase diversa e più articolata, con “un Paese stanco e deluso – ha detto Padellaro -, che ha dato una cambiale ad un giovane premier perchè grandi alternative non ci sono”. Una fase in cui il quotidiano ha registrato un calo di vendite: dalle 48 mila copie e dai 15 mila abbonamenti  del 2010 alle 40 mila copie e ai 12 mila abbonamenti di oggi. Ma il sito web diretto da Peter Gomez ha fatto un boom, diventando il secondo-terzo sito di informazione in Italia.

Impietoso verso sinistra e destra, Padellaro: “La sinistra è un guazzabuglio, e ha ben due contraddizioni: un Renzi che arriva dal centro (dalla Margherita) e gli scandali che hanno colpito il Pd”. E la destra? “Il declino di Berlusconi ha creato il vuoto, anche se adesso è spuntato Salvini”. Dunque, “dato che votare il Pd è difficile, votare per la destra è impossibile, e il Movimento 5 Stelle si è rivelato una meteora, mi sa che alle prossime elezioni me ne vado al mare”,

10 aprile 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs