Varese

Varese, Nicoletti (ML) lancia il baratto com’è stato previsto da Renzi

imagesCANS1XYCIl consigliere comunale di Movimento Libero, Alessio Nicoletti, rilancia con una sua mozione il tema del baratto, ma lo fa con un’accezione particolare. Nicoletti punta al “baratto amministrativo, ossia scambiare la propria manodopera con le tasse da pagare, introdotto lo scorso novembre dallo cosiddetto Sblocca Italia ed è oggi al vaglio di diversi comuni”.

Spiega il consigliere del Comune di Varese: “In sostanza, il baratto amministrativo consiste nel barattare i debiti verso la pubblica amministrazione con lavori utili nel proprio comune. Per introdurre il baratto amministrativo i comuni devono definire con apposita delibera i criteri e le condizioni per la realizzazione di interventi su progetti presentati da cittadini singoli o associati, purché individuati in relazione al territorio da riqualificare”.

L’Art .24 della legge 164 del 2014, infatti recita: “I comuni possono definire con apposita delibera i criteri e le condizioni per la realizzazione di interventi su progetti presentati da cittadini singoli o associati, purché individuati in relazione al territorio da riqualificare. Gli interventi possono riguardare la pulizia, la manutenzione, l’abbellimento di aree verdi, piazze, strade ovvero interventi di decoro urbano, di recupero e riuso, con finalità di interesse generale, di aree e beni immobili inutilizzati, e in genere la valorizzazione di una limitata zona del territorio urbano o extraurbano. In relazione alla tipologia dei predetti interventi, i comuni possono deliberare riduzioni o esenzioni di tributi inerenti al tipo di attività posta in essere. L’esenzione e’ concessa per un periodo limitato e definito, per specifici tributi e per attività individuate dai comuni, in ragione dell’esercizio sussidiario dell’attività’ posta in essere. Tali riduzioni sono concesse prioritariamente a comunità di cittadini costituite in forme associative stabili e giuridicamente riconosciute. Baratto amministrativo, ossia scambiare la propria manodopera con le tasse da pagare”.

Nicoletti auspica di “ottenere il consenso dell’intero Consiglio Comunale su quanto proposto” e chiede che l’amministrazione comunale si impegni a “condividere il testo delle presente mozione; a ntrodurre il cosiddetto baratto amministrativo attraverso apposita delibera, ex art. 24 della legge 164 del 2014, che definisca i criteri e le condizioni per la realizzazione di interventi e le riduzioni o le esenzioni di tributi inerenti al tipo di attività posta in essere”.

8 aprile 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs