Cardano al Campo

Cardano al Campo, Terra, Arte e Radici, festival anti-spreco che guarda ad Expo

Gli organizzatori del festival

Gli organizzatori del festival

Terra Arte e Radici 2015 torna sul tema della sostenibilità ambientale e sociale con un imperativo: Non sprecare, coltiviamo il futuro. Un festival diffuso che si presenta anche con i numeri: 4 giornate di apertura (19 e 26 aprile, 10 e 24 maggio), 28 date fra l’8 aprile e il 21 giugno, 12 siti in cui verranno offerte visite guidate gratuite, fra le quali quella alla mostra evento EXPO del Museo MA*GA: MISSONI.

L’ARTE, IL COLORE, 14 Serate a spreco zero, complessivamente 85 eventi nei 9 comuni del Gallaratese.

La XV edizione si apre nel segno di EXPO. Coordinata dall’Associazione culturale Aleph e con l’amministrazione di Cardano al Campo come capofila, TAR 2015 punta sui progetti comuni con un importante contributo ideativo e organizzativo dei partner, nove amministrazioni comunali, i Licei di Gallarate, ma anche il museo MA*GA, che apre a nuove forme di collaborazione, e il Sistema Bibliotecario Consortile “Antonio Panizzi”, che conferma la solida capacità di supporto agli enti consorziati. Anche quest’anno partecipa l’Ufficio di Informazione a Milano del Parlamento Europeo, a consolidare una proficua collaborazione con l’Associazione Aleph e i Licei di Gallarate. Riconoscimento consueto alla manifestazione dalla Provincia di Varese, dalla Regione Lombardia e dalla Commissione Europea e, quest’anno, anche dal Padiglione EUEXPO, da SLOW FOOD e dalla ONE Foundation di Bono per la lotta alla povertà estrema e la prevenzione delle malattie.

Sono quindi molti i partner ufficiali, ma ancor più numerosi sono tutti gli attori che hanno concorso a realizzare la rassegna. In primo luogo le scuole che giocano un ruolo di primo piano. Nell’edizione 2015 vere protagoniste insieme alle associazioni del territorio. Una mobilitazione che si addensa sull’educazione di bambini e ragazzi a dare valore al cibo, a ridurre lo spreco, essere solidali verso chi ha bisogno, protagonisti cioè di un’auspicabile quanto necessaria rivoluzione negli stili di vita e di sfruttamento delle risorse del pianeta.

L’INAUGURAZIONE, che si terrà a Cardano al Campo il prossimo 11 aprile con una tavola rotonda, si raccoglie intorno al tema di TAR 2015: Non sprecare, coltiviamo il futuro. Saranno Luciano Gualzetti, Vicedirettore della Caritas Ambrosiana, Roberto Cavallo, fondatore della Cooperativa E.R.I.C.A., scrittore, consulente della Commissione Europea e Vicepresidente del Piano Nazionale Prevenzione Rifiuti (PNPR) del Ministero dell’Ambiente, Claudio Moroni, Presidente della Condotta di SLOW FOOD VARESE, Alessandra Zambelli, tecnologa alimentare ed esperta di educazione alimentare e Sergio Scipioni, scrittore a raccontare la nuova sfida del nostro tempo e ci diranno perché e come dobbiamo fare della lotta allo spreco un obiettivo strategico a tutti i livelli: individuale, collettivo, economico ed istituzionale. I partner di TAR hanno fatto proprio questo obiettivo: la seconda edizione di EXPOsto di gusto: – spreco e + solidarietà, (la prima edizione ha ricevuto per mano del Ministro Galletti il Premio Whirlpool “Vivere a spreco zero” 2014) si è concentrata sul recupero e la redistribuzione del cibo nelle mense scolastiche, chiedendo il contributo delle Associazioni del territorio come CARITAS e SITICIBO, da sempre in prima linea per fornire un pasto a chi è in difficoltà. Durante la Settimana antispreco, dal 13 al 17 aprile, nelle scuole che aderiscono al progetto i bambini raccoglieranno il cibo da recuperare, quantificheranno

la raccolta e raccoglieranno i dati che alcune classi dei Licei elaboreranno per fare uno storytelling del progetto. Le scuole hanno anche creato un elemento grafico distintivo della raccolta, aderendo a un Bando lanciato insieme da Associazione Aleph e Dipartimento educativo del Museo MA*GA. Le premiazioni della miglior texture avverranno durante l’inaugurazione e i migliori disegni saranno pubblicati sul sito del Museo. Tante inoltre le giornate conviviali di chiusura dei percorsi di educazione alimentare che coinvolgeranno bambini e famiglie.

Una novità dell’edizione 2015 è DebEXPO: il gruppo Debate dei Licei di Gallarate ha proposto un percorso di formazione al debate per i più piccoli, in collaborazione con Aleph Giovani. Saranno così i CCRR dei comuni di Albizzate, Arsago S., Cardano al Campo e Casorate S. a misurarsi su questioni di grandissima portata come l’accoglienza degli immigrati, l’uso delle immagini dei bambini per la raccolta dei fondi, l’obesità. Lo faranno in un dibattito pubblico formale dove si determinerà il vincitore tra le squadre PRO o CONTRO. Ugualmente i debater dei Licei si affronteranno nella sala più istituzionale della città, quella Consiliare, sulla questione se siano i consumatori i principali responsabili dello spreco. Sarà premiato il Miglior debater della serata: lo scontro è aperto.

L’altra novità sono le Serate a spreco zero: il gusto della sostenibilità. Dieci ristoratori dei comuni di Albizzate, Cardano al C., Casorate S., Cavaria con P. e Gallarate propongono 14 serate (qualche volta pranzo) con menù speciali, ‘sostenibili’ per una sana alimentazione, per il pianeta e per il portafoglio. Saranno lanciati altrettanti PIATTI TAR, piatti unici a spreco zero, che concorreranno per aggiudicarsi il titolo di Miglior PIATTO TAR 2015. L’evento conclusivo si terrà il 21 giugno presso il MA*GA, dove anche gli studenti dell’Istituto Falcone si sfideranno per la miglior preparazione dei piatti concorrenti e naturalmente sarà premiato il migliore in un concorso sotto l’egida di SLOW FOOD.

Ritorna, infine, l’ormai tradizionale progetto di valorizzazione e animazione della lettura per bambini e adulti Park&Read, che scende in campo per narrare buone pratiche contro lo spreco: tanti gli appuntamenti nei diversi comuni e in disparati luoghi, molti dei quali all’aperto. Si rinnova anche l’impegno all’educazione alla mobilità sostenibile con la partecipazione a BIMBINBICI. Fra gli eventi non potevano mancare film, spettacoli, incontri di riflessione, concerti ed esibizioni, mostre e laboratori, visite guidate alla scoperta dei luoghi sotto casa e spesso sconosciuti. In una parola: una mobilitazione del territorio intorno alla cultura per i 15 anni della manifestazione Terra, arte e radici.

8 aprile 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs