Varese

Varese, La compagnia Tournée sbarca in tv con “La Famiglia Tadini”

La Famiglia Tadini

La Famiglia Tadini

Presentato al Palace Grand Hotel di Varese il nuovo progetto televisivo della Compagnia Teatrale Tournée di Varese, frutto della collaborazione tra F2T Entertainment Srl (di Francesca Mancuso e Fabio Corradi), Studio FM di Francesca Mancuso insieme a Infinity Solutions di Lugano ed Exformat Comunicazione.

Con l’occasione la Compagnia ha festeggiato anche i 20 anni di carriera: il gruppo, fondato da Fabio Corradi, dal 1994 si è specializzato nel genere della commedia brillante, portando i suoi lavori nel territorio (provincia di Varese e oltre) fino a raggiungere varie città italiane e anche estere (è stata molto apprezzata durante un tour a Boston, Stati Uniti).

Ieri è stato presentato il nuovo progetto “Dal palco alla televisione-Una nuova sit-com”, un esperimento innovativo nel panorama varesino: “La Famiglia Tadini” si prepara ad approdare sul piccolo schermo con i suoi divertenti personaggi. Sono già state sceneggiate 50 puntate e sono già state girate le prime 4 della serie (riprese e montaggio sono state effettuate negli studi di Ala, Trento). Per quanto riguarda la distribuzione, sono stati presi contatti con diverse tv locali (puntando innanzitutto a una distribuzione provinciale e regionale) e svizzere.

«Questo progetto televisivo nasce da un percorso di 20 anni – ha dichiarato ieri il regista, autore e attore Fabio Corradi – e sentivamo che passaggio dal palco al video doveva arrivare. D’altra parte questo tipo di storia si adatta bene alla tv, tutto è nato in modo naturale».

Il progetto nasce a partire dal 2011, quando la Compagnia Tournée decise di trasformare le loro pièce in vere e proprie puntate teatrali, rappresentate una volta al mese: l’esperimento ebbe luogo al Miv-Multisala Impero Varese nel 2012 con un pubblico variegato composto da molte famiglie con bambini.

È proprio il concetto di famiglia che sta alla base della nuova sit-com: «è un’idea che affonda le radici nel grande teatro, basti pensare alle tante famiglie teatrali come i Rame – ha aggiunto Corradi, spiegando che – di fatto anche noi siamo ormai una grande famiglia: sono quasi tutti attori storici, che hanno iniziato questo cammino 20 anni fa, dando sempre la massima disponibilità».

Parlando di modelli, il metro di paragone della Compagnia Tournée si basa su esempi come “I Robinson”: in comune hanno lo stesso stile brillante, ma, come ha spiegato il regista, «in quel caso le storie erano state scritte apposta per la sit-com, nel nostro i testi sono nati in ambito teatrale».

Spontaneità, improvvisazione: anche una battuta sbagliata può offrire nuovi spunti. Sono questi gli ingredienti de “La Famiglia Tadini”: ieri è stato presentato anche il trailer della nuova sit-com e sono stati mostrati alcuni spezzoni tratti dalle prime puntate.

“La Famiglia Tadini” racconta una storia in cui gli spettatori possono facilmente ritrovarsi: il capofamiglia Ezio e sua moglie si trovano a fare i conti con il futuro genero: la figlia Michela si è innamorata di un botanico, ma il padre nella sua ignoranza crede che sia un semplice contadino. Lui per la figlia vorrebbe un laureato in Medicina o Economia e Commercio, ma si troverà a fare i conti con una ragazza piuttosto determinata. Nella sit-com ci sono altri divertenti personaggi come gli zii Luciana e Vittorio: una coppia senza figli che, con la scusa di andarli a trovare, finisce con l’”insediarsi” stabilmente presso i Tadini.

«Il nostro intento è quello di fidelizzare lo spettatore – ha spiegato Corradi – per questo ogni puntata inizia e finisce e il matrimonio sembra non arrivare mai».

Lo stile della Compagnia Tournée si ispira ai grandi maestri come Totò e Aldo Fabrizi: i personaggi e le storie si basano sulla vita reale: «l’obiettivo è far ridere il pubblico – ha proseguito il regista – senza aspetti irriverenti o maleducati e portando sempre dei contenuti».

Corradi oltre al cast ha voluto ringraziare Francesca Mancuso, «l’unica vera impresaria rimasta dalle nostre parti», ha sottolineato. Per quanto riguarda la regia, è stato anticipato che nel proseguo del progetto c’è l’intenzione di affidarla a Ettore Imparato, con cui c’è una collaborazione che dura da anni.

La serata di ieri è proseguita con un doppio omaggio a due artisti grandi amici della Compagnia: l’attore Elio Veller (era presente la figlia Veronica), scomparso nel 2012 e il cabarettista Marino Guidi, scomparso nel 2006. Presente alla serata di ieri anche l’attore Flavio Sala (anche lui ha lavorato con la Compagnia Tournée in più occasioni), divenuto celebre con la serie “Frontaliers”, sit-com prodotta dalla RSI (Radiotelevisione Svizzera) e approdata poi anche sul grande schermo.

27 marzo 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs