Busto Arsizio

Busto Arsizio, Walter Veltroni e Vittorio Sgarbi protagonisti del Baff

Vittorio Sgarbi

Vittorio Sgarbi

Si sta completando il palinsesto della tredicesima edizione del B.A. Film Festival, organizzato dall’associazione B.A. Film Factory e dal Comune di Busto Arsizio, con la collaborazione dell’Istituto Cinematografico Michelangelo Antonioni, e diretto per il secondo anno da Steve Della Casa

Come già anticipato, il Baff 2015 sarà dedicato alla commedia, con un omaggio particolare a Mario Monicelli; il regista sarà ricordato con la mostra “Mario, 100 anni di cinema”, composta da stampe pittoriche realizzate da Chiara Rapaccini e una selezione di foto dai set di Monicelli, un convegno e la proiezione di due capolavori, Risate di gioia con Anna Magnani e Totò e L’armata Brancaleone, con Vittorio Gassman, oltre al documentario Vicino al Colosseo c’è Monti.

Il concorso “Le parti in commedia”, già online sul sito www.baff.it, in collaborazione con il quotidiano La Prealpina, offre invece la possibilità di scegliere tra cinque dialoghi tratti da celebri commedie all’italiana. I più votati verranno interpretati dal vivo da attori ospiti della manifestazione.

Madrina del festival sarà Valeria Solarino, una delle attrici più interessanti del panorama cinematografico italiano contemporaneo, interprete di commedie di successo (Manuale d’amore, Smetto quando voglio, Una donna per amica), di pellicole drammatiche (Signorina Effe, Ruggine), volto noto anche al pubblico televisivo per il ruolo di Anita Garibaldi nella fiction omonima e per la sua partecipazione a Una grande famiglia 2.

La selezione dei film della sezione Made in Italy è in via di definizione, mentre si stanno già raccogliendo le prenotazioni per le proiezioni del mattino, riunite nella rassegna Made in Italy – Scuole; sono inoltre confermate le Masterclass, “Baff in libreria”, e uno spazio per la presentazione di due lungometraggi in lavorazione.

Nell’ambito di Made in Italy – Cinema del reale, il Baff proporrà l’anteprima (l’uscita nelle sale è prevista il 23 aprile) del documentario I bambini sanno, opera seconda di Walter Veltroni, ex segretario Pd ed ex sindaco di Roma, che prova a «fotografare l’Italia di oggi attraverso la percezione della vita che hanno i bambini tra i 9 e i 13 anni». Certa anche la presenza del critico d’arte Vittorio Sgarbi, protagonista del documentario Sgarbistan, un ritratto della sua vulcanica esistenza diretto da Maria Elisabetta Marelli.

In collaborazione con il Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani il Baff ospiterà la consegna di un riconoscimento dedicato al giornalismo con le immagini, nel nome di una grande firma di ieri, Lello Bersani. Il Premio, andato nella prima edizione (subito dopo la scomparsa di Bersani) a Vincenzo Mollica, inaugura il nuovo corso con Antonello Sarno, giornalista e documentarista, già Nastro d’Argento.

La serata Stracult, condotta da Marco Giusti, porterà in città Kirk Morris, interprete negli anni ’60 di una serie di film del genere “Peplum”, nei panni di Maciste, Ercole e Sansone; una chiacchierata che promette ricordi e aneddoti su un periodo “epico” della storia del cinema italiano.

L’appuntamento prevede anche la proiezione del documentario Hollywood sul Garda di Franco Delli Guanti e Ludovico Maillet, che ripercorre l’incredibile storia degli studios galleggiati realizzati dalla Bertolazzi Film.

Anche quest’anno ICMA sarà presente al B.A. Film Festival attraverso numerosi eventi che faranno di villa Calcaterra (sede dell’Istituto Antonioni) uno dei cuori della kermesse. Gli allievi dell’accademia bustese riprenderanno le fasi salienti del festival, fungendo da “ufficio stampa video”, numerosi saranno poi gli incontri in via Magenta, oltre ai momenti di festa e di riflessione.

La sezione Avvistamenti farà il punto su curiosità e attività del cinema e della tv del territorio con una fascia pomeridiana (dalle 16.30) in cui le opere migliori dei giovani registi “Made in Busto” potranno essere viste e apprezzate. Continuerà anche il gemellaggio con il Lugano Film Festival, ospite del BAFF, che a giugno in Svizzera avrà una sezione appositamente dedicata alle opere prodotte dall’ICMA.

Diverse le iniziative legate a Expo 2015, tra le quali un evento “gastronomico/cinefilo” in collaborazione con la rivista La Cucina Italiana.

Oltre che nelle cinque sale cinematografiche di Busto Arsizio – Fratello Sole, Manzoni, Sociale, Lux e San Giovanni Bosco – il Baff 2015 farà tappa a Legnano, Castellanza, Olgiate Olona e Fagnano Olona, new entry di questa edizione. L’ingresso è gratuito a tutti gli eventi.

27 marzo 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs